Il meccanismo della respirazione: come si svolge?

Ti è capitato di fermarti a pensare come respiri? Improvvisamente ti sembrerà di avere il controllo sulla respirazione.

Nella totalità del nostro tempo, però, non dobbiamo mai fermarci a pensare come respirare. Il nostro corpo sa già come farlo.

Se sei una persona curiosa, ti sarà sicuramente capitato di chiederti: il meccanismo della respirazione come si svolge?

In questo articolo troveremo le risposte a questa ed altre domande inerenti alla respirazione.

Come si svolge il meccanismo della respirazione

Per quanto possa sembrare banale, il meccanismo della respirazione è in realtà un processo altamente articolato.

Il tutto si basa su una differenza di pressione tra l’ambiente esterno e l’ambiente interno alla cassa toracica.

La respirazione è inoltre fondamentale per mantenerci in vita. Questo perché tramite la respirazione possiamo ossigenare ogni cellula del nostro corpo.

Ma andiamo per piccoli passi, partendo dalle basi.

Il meccanismo della respirazione come si svolge?

La respirazione consta di due fasi: l’inspirazione e l’espirazione.

Nella prima fase l’aria prima attraversa le vie aeree superiori ed i bronchi. Dopo di che penetra negli alveoli polmonari ed ossigena il sangue.

Nella seconda fase l’aria segue la direzione opposta e così i polmoni la espellono carica di anidride carbonica.

La respirazione consiste quindi nell’assunzione di ossigeno e nell’eliminazione di anidride carbonica.

Come si ossigenano i polmoni?

Spesso puoi aver sentito parlare di “ossigenare i polmoni”. 

Questa locuzione, impropriamente, fa riferimento a tutte quelle accortezze che si possono seguire per migliorare le capacità di scambiare i gas dei nostri polmoni.

L’obiettivo nel mantenere in buono stato i polmoni, e di conseguenza il fisico, è quello di ridurre i rischi e aumentare i benefici. Perciò è necessario:

  • Non fumare
  • Rientrare nel proprio peso forma
  • Svolgere attività fisica quotidianamente
  • Ridurre l’esposizione allo smog
  • Effettuare esercizi per una buona respirazione
  • Seguire una dieta corretta
  • Prestare attenzione ai segnali d’allarme

Che cosa si intende per respirazione interna?

La respirazione interna è anche chiamata respirazione cellulare.

Questa consiste in un processo biochimico che avviene all’interno delle cellule.

Le cellule sfruttano l’ossigeno per produrre energia per il corpo attraverso cicli metabolici.

Questo permette di ossidare le sostanze nutritive che assumiamo, così da renderle in energia. Tali sostanze si decompongono in anidride carbonica e acqua. La prima verrà espulsa dalla cellula, mentre l’acqua risulta vitale per il mantenimento della cellula stessa.

Come avviene l’ematosi?

L’ematosi è il processo di ossigenazione del sangue.

Infatti il sistema respiratorio, che assume ossigeno durante l’inspirazione, trasferisce l’ossigeno ai tessuti tramite il circolo sanguigno.

Questo perché i capillari polmonari si interfacciano negli alveoli polmonari con l’aria che inspiriamo. Qui il sangue cede l’anidride carbonica mentre si carica di ossigeno. 

Come si elimina l’anidride carbonica dal corpo?

Il processo secondo cui si va ad eliminare l’anidride carbonica dal corpo si chiama decapneizzazione.

La decapneizzazione è una terapia medica. Questa permette l’eliminazione dell’anidride carbonica dal sangue. Per fare ciò si usa un presidio medico-chirurgico chiamato decapneizzatore.


Domande correlate

Che cosa sono gli alveoli?

Gli alveoli polmonari sono l’unità funzionale dei nostri polmoni. Il termine alveolo deriva dal latino alveolus che significa appunto piccola cavità.

Gli alveoli sono quindi delle sacche che permettono lo scambio di ossigeno e anidride carbonica tra il sangue e l’aria.

Qual è la differenza tra respirazione interna ed esterna?

Quando si parla di respirazione esterna, si fa riferimento alla comune respirazione degli esseri viventi. Questo riguarda lo scambio di gas tra i polmoni ed il sangue.

Quando parliamo di respirazione interna, ci riferiamo alla respirazione cellulare. Quest’altra respirazione riguarda lo scambio di ossigeno e anidride carbonica tra il sangue e le cellule dei nostri tessuti.

Che differenza c’è tra respirazione e ventilazione?

Come abbiamo già affermato, la respirazione riguarda lo scambio di ossigeno e anidride carbonica. Questo può avvenire tra il sangue e le cellule o tra gli alveoli e il sangue.

La ventilazione, invece, riguarda lo scambio di aria che avviene tra gli alveoli e l’atmosfera. Sostanzialmente la ventilazione è ciò che avviene all’interno dei nostri polmoni quando espiriamo e inspiriamo. 

Che cosa si intende per respirazione cellulare?

La respirazione cellulare è un processo biochimico che avviene all’interno delle nostre cellule-

Le cellule, tramite l’ossigeno, generano energia andando a degradare le sostanze nutritive che assumiamo attraverso la dieta. Questo permette di produrre ATP, la molecola energetica della cellula.

La combustione dei nutrienti porta alla produzione di anidride carbonica, che viene espulsa dalla cellula.

Cosa si può fare per rigenerare i polmoni?

Per rigenerare i polmoni sono possibili diverse tecniche, a seconda delle necessità e delle tipologie di problematiche riscontrate a livello respiratorio.

Si può ad esempio effettuare:

  • Terapia del vapore
  • Tosse controllata
  • Esercizio fisico quotidiano
  • Bere del tè verde
  • Respirare aria buona
  • Mangiare alimenti antinfiammatori

Come si fa a capire se si respira bene?

Esiste un esame medico che permette di valutare la salute dei tuoi polmoni.

Questo esame si chiama spirometria e si effettua con un dispositivo chiamato spirometro.

L’esame si svolge in presenza di uno pneumologo e consiste nel soffiare quanta più aria possibile, con la massima forza possibile, all’interno dello strumento.

Il medico potrà monitorare così l’efficienza dei tuoi polmoni e diagnosticare possibili affezioni presenti.

Cosa si può bere per disintossicare i polmoni?

Sicuramente mantenere un’ottima idratazione può aiutare i tuoi polmoni a funzionare meglio.

Cerca di bere molta acqua e, in alternativa o di supporto, succhi ricchi di frutta antiossidante. Questo può aiutare i tuoi polmoni a funzionare meglio

A cosa serve per le cellule l’ossigeno?

L’ossigeno è un componente fondamentale per le attività vitali della cellula.

Di fatto la molecola di ossigeno è l’accettore finale di elettroni durante la fosforilazione ossidativa. Questa è l’ultima tappa di combustione dei nutrienti.

La sua fondamentale presenza è data dal fatto che, tramite tale processo, la cellula possa caricarsi di energia. Questa, sotto forma di ATP, viene poi sfruttata per compiere le varie attività.

In che cosa consiste la respirazione cellulare e in quali organuli ha sede?

L’organulo fondamentale per la respirazione cellulare è sicuramente il mitocondrio.

Questo organulo viene anche definito la centrale elettrica della cellula. Questo perché è al suo interno che avvengono tutti i processi biochimici di produzione di ATP.

La fosforilazione ossidativa stessa avviene all’interno del mitocondrio.

Perché si può affermare che la respirazione cellulare è il processo inverso della fotosintesi?

La fotosintesi è un processo biochimico del tutto unico. Esso può essere svolto unicamente dalle cellule di origine vegetale.

Nella fotosintesi la cellula si serve di luce e anidride carbonica per produrre ossigeno e glucosio.

Esattamente il processo inverso della respirazione cellulare. Infatti in quest’ultima l’ossigeno e il glucosio vengono utilizzati per produrre energia e anidride carbonica.

Come si insipira ed espira?

Per procedere ad una corretta respirazione, è necessario seguire due tappe: una di inspirazione ed una di espirazione.

Durante l’insipirazione, il diaframma si contrae e si abbassa. Questo permette ai polmoni di aumentare di volume e caricarsi di aria ricca di ossigeno.

Nella espirazione, invece, il diaframma si rilassa e si alza. Questo spinge così i polmoni, diminuendone il volume, e permettendo il loro svuotamento. Così si riesce ad espellere l’anidride carbonica.

Cosa viene fornito ai tessuti tramite la respirazione?

Durante la respirazione esterna il sangue si carica di ossigeno. Questo viene poi trasportato ai tessuti che lo sfruttano per compiere la respirazione interna.

Contestualmente, i tessuti cedono l’anidride carbonica prodotta al sangue. Così, questo farà ritorno nei polmoni scaricando l’anidride carbonica nei polmoni e caricandosi di nuovo di ossigeno.

Chi regola la respirazione?

La respirazione è regolata da diversi nuclei coinvolti in diverse regioni situate nel midollo allungato e nel ponte. 

Il centro pneumotassico, ad esempio, invia impulsi nervosi ai muscoli respiratori per regolare la frequenza respiratoria.

Cos’è la respirazione toracica?

La respirazione toracica consta in un’espansione in “orizzontale” della cassa toracica. Questo permette di fornire ossigeno alla parte centrale dei polmoni.

Ciò è possibile grazie alla natura elastica delle ossa toraciche. La dinamicità della struttura delle costole permette l’espandersi dei polmoni e il riempimento di aria degli stessi.

Cosa contiene l’aria espirata?

L’aria espirata ha una concentrazione più bassa di ossigeno e più alta di anidride carbonica rispetto all’aria inspirata.

Questo è possibile grazie allo scarico da parte del sangue di anidride carbonica prelevata dai tessuti periferici.

Dove si trovano gli alveoli polmonari e cosa accade al loro interno?

Gli alveoli polmonari sono la struttura primaria e funzionale dei nostri polmoni.

Sono di fatto delle piccolissime sacche che permettono l’interscambio gassoso tra l’aria che inspiriamo e il sangue in circolo.

Per quale motivo i polmoni contengono così tanti alveoli?

Il numero altissimo di alveoli polmonari e di bronchi e bronchioli ha una sua motivazione funzionale.

Infatti il loro alto numero permette un’enorme area superficiale. Ciò implica molta superficie di scambio che permette un’efficiente interazione aria-sangue.

Se si potesse distendere su un piano la superficie alveolare, questa corrisponderebbe a circa 75 metri quadri.

Che cosa avviene a livello degli alveoli polmonari?

A livello degli alveoli polmonari avviene uno scambio tra l’aria inspirata e il sangue in circolo.

Di fatto, grazie ad una differenza di pressione parziale, il sangue cede l’anidride carbonica all’aria. Contemporaneamente esso si carica di ossigeno, di cui è ricca l’aria appena inspirata.

Così l’ossigeno inalato si sposta dagli alveoli ai capillari, mentre l’anidride carbonica segue il percorso inverso.

Come arriva l’ossigeno all’interno della cellula?

Una volta che l’ossigeno dagli alveoli polmonari, ha raggiunto i capillari polmonari, esso si lega all’emoglobina.

L’emoglobina, trasportata dai globuli rossi nel sangue, viaggia nel nostro organismo. Questa poi raggiunge i capillari periferici e cede il gas ai tessuti. Tutto ciò permette di attivare i processi metabolici cellulari.

Quali sono le funzioni vitali di un essere vivente?

Le funzioni vitali di un essere vivente sono quelle che permettono all’organismo di sopravvivere.

Queste possono essere riassunte in:

  • Respirare
  • Nutrirsi
  • Crescere
  • Muoversi
  • Riprodursi

Fonti

Lascia un commento