Come crolla il Muro di Berlino?

Il 9 novembre del 1989 è la data che segna uno degli eventi destinati a cambiare il corso della storia europea del Novecento: cade uno dei simboli più divisivi che l’Europa abbia mai avuto, il Muro di Berlino. 

La città tedesca, già divisa politicamente e amministrativamente dopo la fine del secondo conflitto mondiale, si ritrova improvvisamente divisa in due parti anche fisicamente per quasi 30 anni. Come crolla il Muro di Berlino? Proteste di popolo, un errore di comunicazione e colpi di piccone: ecco come inizia la riunificazione prima della città e poi delle due Germanie. 

Come crolla il muro di Berlino?

Dopo quasi mezzo secolo di Guerra Fredda, dal 1989 la situazione politica europea iniziò a mutare profondamente: il Patto di Varsavia era al collasso e i regimi dei paesi membri indeboliti da proteste interne. Il 9 novembre la Germania dell’Est concesse agli abitanti di Berlino Est di attraversare il Muro con uno speciale permesso: decine di migliaia di persone si presentarono ai varchi per oltrepassarlo e non fu possibile rimandarle indietro. 

Chi volle la costruzione del Muro di Berlino?

II regime comunista della Repubblica Democratica Tedesca decise la costruzione del Muro di Berlino per separare in modo definitivo le due parti in cui era divisa la città dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Perché è stato abbattuto il Muro?

La mancanza di democrazia e un’economia in difficoltà avevano portato migliaia di  persone a protestare. Honecker, leader della DDR, annunciò una serie di riforme durante una conferenza stampa, tra cui la possibilità di passare nel settore Ovest della città liberamente. La folla che si presentò a ridosso del Muro, per oltrepassarlo, diede inizio così alla sua caduta.

Quando venne buttato giù il Muro di Berlino?

Il 9 novembre 1989 iniziò la caduta del Muro: in quella notte migliaia di berlinesi del settore Est passarono attraverso i checkpoint, riversandosi nelle strade di Berlino Ovest dopo un divieto lungo quasi 30 anni. Nei giorni successivi in molti si recarono presso il Muro per demolirlo a colpi di piccone, ma l’abbattimento ufficiale iniziò il 13 giugno 1990.

Che cosa divideva il Muro di Berlino?

Il Muro di Berlino divideva la parte occidentale di Berlino, controllata delle potenze vincitrici occidentali, da quella orientale, sotto giurisdizione sovietica. Nella notte tra il 12 e il 13 agosto 1961 il confine venne chiuso con una barriera di filo spinato lungo tutto il perimetro di Berlino Ovest, per circa 155 chilometri. Nel corso del tempo, il filo spinato venne sostituito con il famoso muro in cemento armato.


Domande correlate

Come erano divise le due Germanie?

Nel 1945 la Germania nazista di fatto non esisteva più e il paese venne diviso in due parti: una porzione occidentale, sotto il controllo delle potenze vincitrici americana, francese e britannica, e una parte orientale sotto il controllo dell’Unione Sovietica. 

Com’è nato il Muro di Berlino?

Il Muro di Berlino nacque per frenare la fuga di migliaia di persone dalla Germania dell’Est verso la Germania dell’Ovest, alla ricerca della democrazia e di un livello di vita migliore. Raggiungere Berlino Ovest equivaleva a essere già nell’Occidente. Dal filo spinato piazzato nella notte del 13 agosto 1961, si passò ai primi blocchi di cemento posti solo 4 giorni dopo.

Chi è stato a far cadere il Muro di Berlino?

Fu un funzionario del governo della DDR a provocare inconsapevolmente l’abbattimento del muro di Berlino.  Durante la conferenza stampa del 9 novembre 1989, pressato dai giornalisti, annunciò in diretta televisiva la revoca di tutte le misure restrittive per i viaggi all’estero con effetto immediato. In pochi minuti, migliaia di berlinesi dell’est si ammassarono sotto il muro, costringendo le guardie ad aprire i varchi e dando il via alla sua caduta.

Che cosa ha simboleggiato il Muro di Berlino?

Il Muro di Berlino ha simboleggiato la divisione tra due mondi, tra due economie, tra due diverse politiche. Fu anche il simbolo della separazione da amici, parenti, figli della stessa terra che parlavano la stessa lingua. Fu soprattutto il simbolo visivo della Cortina di ferro, quella linea ideale che segnava il confine tra il mondo occidentale sotto l’influenza degli Stati Uniti e quello orientale, controllato dall’Unione Sovietica.

Cosa significa Muro di Berlino?

il Muro di Berlino idealmente indica la divisione tra due opposte visioni del mondo, tra due diverse concezioni politiche ed economiche, tra le diverse idee di libertà, di comunicazione, di progresso. Fisicamente era invece una barriera che racchiudeva completamente la porzione di Berlino sotto l’influenza occidentale.

Che cosa resta oggi del Muro di Berlino?

Ciò che resta del Muro di Berlino oggi è visibile in alcune vie della città come la centrale Bernauer Strasse, mentre sulla riva della Sprea si trova l’East Side Gallery. È una lunga porzione di muro di circa 1.3 km completamente ricoperta da graffiti di diversi artisti, legate dal tema comune della pace. In altre parti della città sono presenti soltanto piccole porzioni di muro.

Perché Berlino fu divisa in due?

Dopo il secondo conflitto mondiale, per evitare una eventuale futura ricostituzione di un potente stato tedesco, la Germania sconfitta venne divisa in due stati. Il simbolo di questa divisione fu proprio la città di Berlino divisa in 4 settori: quelli a ovest sotto il controllo delle 3 potenze vincitrici occidentali e quello a est sotto l’influenza dell’URSS.

Chi sono i due che si baciano sul Muro di Berlino?

Durante le celebrazioni per il trentesimo anniversario della DDR, un fotografo immortalò il “bacio socialista” tra il leader sovietico Leonid Breznev e  l’allora presidente della DDR Erich Honecker. Un artista russo, Dmitri Vrubel riprodusse la scena sul muro con un graffito con la scritta: “Dio mio, aiutami a sopravvivere a questo bacio della morte”.

Cosa cambia dopo la caduta del Muro di Berlino?

La caduta del Muro di Berlino diede un’ulteriore spinta al processo di indebolimento e disgregazione dei regimi comunisti d’Europa. La riunificazione delle due parti della città fu un’anticipazione del destino delle due Germanie: dopo meno di un anno migliaia di tedeschi si trovarono a festeggiare un  paese nuovamente unito.

Come venne divisa la Germania e Berlino?

Nel 1945 la Germania venne divisa in 4 zone di occupazione militare: le 3 occidentali erano sotto il controllo di Stati Uniti, Francia e Inghilterra, quella orientale sotto giurisdizione sovietica. Nel 1949 le 4 potenze cedettero la sovranità: a ovest si formò la Repubblica Federale Tedesca, mentre a est nacque la Repubblica Democratica Tedesca. Berlino subì l’identica sorte, finendo con il ritrovarsi divisa in due metà: Berlino Ovest, sotto controllo americano, e Berlino Est sotto quello sovietico.

Quando si è divisa la Germania?

Nel 1945 la conferenza di Potsdam sancì la divisione della Germania in quattro settori, ognuno sotto il diretto controllo di una delle quattro potenze vincitrici del secondo conflitto mondiale. Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia controllavano i 3 settori occidentali, mentre l’URSS aveva giurisdizione sul settore orientale.

Com’era divisa la Germania prima della caduta del Muro?

Fino alla caduta del Muro di Berlino la Germania era divisa in due repubbliche, destino deciso dalle quattro potenze vincitrici della Seconda Guerra Mondiale: la Repubblica Federale Tedesca con capitale Bonn, sotto l’influenza occidentale, e la Repubblica Democratica Tedesca, con capitale Berlino, sotto il controllo dell’URSS,

Cosa significa il bacio sul Muro di Berlino?

Il famoso bacio socialista, tra il leader sovietico Breznev e il presidente della DDR Honecker, rappresenta un normale saluto di rito nei paesi comunisti. Da simbolo di amicizia e solidarietà diventò invece un’immagine satirica quando l’artista russo Vrubel lo rappresentò sul muro: un bacio, che unisce, rappresentato su un muro che invece divide.

Chi è Honecker?

Erich Honecker è stato un politico tedesco, membro del Partito Comunista di Germania e Presidente del Consiglio di Stato della Repubblica Federale Tedesca. Nel 1961 gli venne affidata la direzione della costruzione del Muro di Berlino. Fu proprio Honecker a emanare l’ordine di sparare a chiunque avesse cercato di oltrepassare il Muro.

Come era divisa Berlino?

Dopo la Seconda Guerra Mondiale Berlino venne divisa in 4 settori, ognuno sotto l’influenza di una delle potenze vincitrici: quelle del blocco occidentale controllavano i 3 settori ovest della città, mentre all’Unione Sovietica spettò quello a est.

Com’era la vita a Berlino Est?

La vita a Berlino Est era la stessa nel resto della DDR: una vita controllata in ogni ambito dallo Stato socialista. Sanità, istruzione erano gratuite, i prezzi delle case calmierati e gli stipendi erano piuttosto uniformi. Con la costruzione del Muro, si proibì  agli abitanti di Berlino Est di recarsi nel settore ovest della città se non dopo richieste e permessi particolari.

Com’era la vita a Berlino Ovest?

Berlino Ovest era una exclave della Repubblica Federale Tedesca con uno status particolare: era gestita dal Sindaco e dal Senato di Berlino Ovest. La vita era molto diversa da quella del settore Est della città: la libertà e in generale degli standard di vita più elevati erano attrattive determinanti per i cittadini di Berlino Est.

Quanto è rimasto del Muro di Berlino?

È rimasto veramente poco dei 155 km di muro. Alcune porzioni piuttosto lunghe, fino a oltre 1 km, sono oggi ancora in piedi in pochissimi  punti della città, mentre più diffusi sono dei singoli blocchi o parti di essi, spesso vandalizzati dai collezionisti di “pezzi” del muro.

Che differenza c’era tra Berlino Est e Berlino Ovest?

La differenza sostanziale tra le due parti della città, e che fu la causa della costruzione del Muro, fu che di fatto le due porzioni di città appartenevano a due Stati diversi: Berlino Est era parte della Repubblica Democratica Tedesca, mentre Berlino Ovest era una exclave della Repubblica Federale Tedesca in territorio della DDR.

Come si chiamava la Germania dell’Ovest?

La Germania dell’Ovest si chiamava Repubblica Federale Tedesca, federale perché composta da dieci Lander (regioni), più Berlino Ovest.

Lascia un commento