Cosa contengono i canalicoli ossei?

L’osso sembra estremamente semplice, eppure è una delle strutture più complesse e affascinanti del corpo umano.

Dietro a un aspetto regolare e per certi versi “inanimato” si nasconde un mondo di cellule e architetture peculiari.

Le cellule dell’osso sono gli osteociti. All’interno dell’osso troviamo lamelle e canalicoli.

Ma cosa contengono i canalicoli ossei?

Avventuriamoci insieme alla scoperta del tessuto osseo, per trovare una risposta a tutte le nostre domande!

Che funzione ha il tessuto osseo spugnoso?

Come tutte le ossa, anche il tessuto osseo spugnoso ha una funzione strutturale e di sostegno.

Tuttavia, il tessuto osseo spugnoso serve anche ad alleggerire la massa ossea.

Infatti, mentre l’osso compatto si trova nella parte esterna, l’osso spugnoso si trova all’interno e, essendo costituito da tante piccole trabecole ossee, è in gran parte vuoto e più leggero.

Inoltre, nel contesto dell’osso spugnoso si trova il midollo osseo, deputato alla produzione delle cellule del sangue.

Come sono disposte le cellule del tessuto osseo?

Quando si parla di tessuto osseo, bisogna sempre considerare che le cellule sono immerse in abbondante matrice extracellulare.

Questa matrice è prodotta dalle stesse cellule del tessuto osseo, gli osteociti.

Gli osteociti sono disposti in alcune piccole lacune presenti nella matrice. Da qui emettono dei sottili prolungamenti che permettono loro di raggiungere aree distanti del tessuto osseo.

Tra le cellule del tessuto osseo, oltre agli osteociti, ricordiamo gli osteoblasti, deputati alla deposizione di nuova matrice ossea, e gli osteoclasti, che hanno invece il compito di distruggere la matrice ossea obsoleta.

Quale sostanza è presente all’interno delle ossa?

Le ossa sono costituite da due componenti: una organica e una inorganica.

La componente organica è costituita da osseina, collagene di tipo I e la glicoproteina osteomucoide.

La matrice inorganica, mineralizzata, è fatta principalmente di fosfato di calcio.

Il calcio e il fosforo si trovano in diverse forme all’interno dell’osso:

  • Cristalli di idrossiapatite (la forma principale)
  • Carbonato di calcio (12%)
  • Fosfato di magnesio (1,5%)
  • Fluoruro di magnesio (0,5%) 

Quali sono le cellule del tessuto osseo?

All’interno del tessuto osseo si trovano 4 tipi di cellule:

  • Le cellule osteoprogenitrici: sono dotate di capacità proliferative. Partecipano all’accrescimento delle ossa durante la crescita e si differenziano negli osteoblasti.
  • Osteoblasti: Sono le cellule deputate alla sintesi della matrice organica e inorganica dell’osso. Provvedono alla mineralizzazione della sostanza extracellulare, favorendo la deposizione di calcio e fosfato nei cristalli di idrossiapatite.
  • Osteociti: sono le cellule dell’osso maturo, responsabili del suo mantenimento. Sono anche in grado di regolarne il rimodellamento.
  • Osteoclasti: sono le cellule addette al riassorbimento osseo. In sostanza gli osteoclasti dissolvono la matrice ossea invecchiata, permettendone la sostituzione ad opera degli osteoblasti.

Istologia



Domande correlate

Cos’è la matrice del tessuto osseo?

La matrice ossea è una struttura molto densa, mineralizzata, costituita principalmente da calcio e fosfato, legati insieme a formare cristalli di idrossiapatite.

Presenta piccole lacune in cui sono presenti le cellule che producono la stessa matrice, gli osteociti (più precisamente osteoblasti).

Chi è responsabile della sostituzione di nuove cellule ossee?

La sostituzione del vecchio tessuto osseo con uno nuovo avviene ad opera di due cellule: gli osteoclasti e gli osteoblasti.

I primi secernono enzimi proteolitici che distruggono la vecchia matrice ossea. Gli osteoblasti invece producono nuova matrice.

Come sono classificate le ossa dello scheletro?

Le ossa possono essere classificate in base alla forma o in base alla densità.

In base alla forma abbiamo:

  • Ossa lunghe
  • Ossa corte 
  • Ossa piatte

In base alla densità invece esistono:

  • Osso compatto
  • Osso spugnoso o trabecolare

Quali sono le forme delle ossa?

Le ossa lunghe sono soprattutto le ossa dello scheletro degli arti (femore, tibia, perone, radio, ulna, omero).

Le ossa corte sono quelle di mani, piedi, polsi e caviglie.

Le ossa piatte sono quelle del cranio, del bacino e lo sterno.

Com’è il tessuto osseo rispetto a quello cartilagineo?

La cartilagine è costituita principalmente da collagene e proteine. È una struttura molto resistente alla pressione ma anche flessibile.

L’osso ha anche una matrice inorganica, costituita dai cristalli di idrossiapatite. È più duro e più rigido della cartilagine.

Quali sono le cellule responsabili della sintesi della matrice extracellulare del tessuto osseo?

La matrice extracellulare ossea è costituita di cristalli di idrossiapatite (calcio e fosfato inorganici). Viene prodotta da particolari cellule ossee, gli osteoblasti, che hanno come compito proprio quello di depositare l’idrossiapatite e creare la matrice ossea.

Cosa sono le lamelle del tessuto osseo?

Le lamelle ossee sono strutture microscopiche che costituiscono l’impalcatura del tessuto osseo.

Nell’osso spugnoso il tessuto osseo lamellare si dispone in maniera irregolare, donando all’osso il caratteristico aspetto trabecolato. Nell’osso compatto le lamelle sono disposte invece in maniera regolare e ordinata.

Come si chiama il tessuto che riveste le ossa?

Il tessuto che riveste le ossa è il periostio.

Si tratta di un tessuto connettivo denso che ha funzione protettiva e contiene al suo interno le principali strutture vascolari dell’osso.

È costituito principalmente da fibre collagene. La componente cellulare è scarsa.

Qual è la differenza tra tessuto osseo spugnoso e compatto quali funzioni svolgono?

L’osso compatto si trova subito sotto il periostio. È denso e compatto e svolge principalmente una funzione protettiva e strutturale.

L’osso spugnoso si trova più in profondità, è meno denso e ospita il midollo osseo, adibito alla produzione delle cellule del sangue.

Che cosa è un Osteocita?

L’osteocita è la principale cellula dell’osso.

È una cellula appiattita, lenticolare: questa particolare forma gli consente di muoversi tra le lamelle ossee con facilità.

In base agli stimoli esterni che riceve può differenziarsi in osteoblasta (forma la matrice ossea) o osteoclasta (distrugge la matrice ossea).

Quali sono le caratteristiche del tessuto osseo?

Il tessuto osseo è un tessuto connettivo.

Ha una matrice inorganica dura e compatta che gli conferisce grande resistenza alla trazione e alla pressione.

Ha un ruolo strutturale e funge da sostegno per l’organismo e da punto di inserzione dei muscoli.

Come si dividono le ossa in base alla forma?

In base alla forma ci sono diversi tipi di ossa:

  • Ossa lunghe (ad es: omero)
  • Ossa brevi 
  • Ossa piatte
  • Ossa irregolari

Quali sono le ossa degli arti inferiori?

Le ossa degli arti inferiori sono:

  • Femore (coscia)
  • Rotula o patella (completa l’articolazione del ginocchio)
  • Tibia e perone (gamba)
  • Le ossa della caviglia e del piede

Quanti e quali sono i tipi di articolazioni?

In base al grado di mobilità delle articolazioni, possiamo classificarle in:

  • Articolazioni fisse o sinartrosi: sono fuse, non c’è movimento, come avviene tra le ossa del cranio
  • Articolazioni ipomobili: come quelle tra le vertebre
  • Articolazioni mobili: permettono il movimento delle ossa in due direzioni (ginocchio, gomito) o in ogni direzione (spalla)

Che cosa si intende per articolazioni?

L’articolazione è un complesso di strutture che ha lo scopo di mantenere a contatto diverse superfici ossee (due o più).

Queste strutture sono i legamenti, le capsule articolari, tessuto fibroso e cartilagineo.

Esempi di articolazioni sono il gomito, la spalla, il polso, l’anca, il ginocchio, la caviglia.

Qual è l’asse portante dello scheletro?

L’asse portante dello scheletro è costituito dalla colonna vertebrale o rachide.

La colonna vertebrale è costituito da 33-34 vertebre, suddivise in base al segmento in cui sono posizionate. Ci sono 7 vertebre cervicali, 12 vertebre toraciche, 5 lombari, 5 sacrali e il coccige, formato da 4 o 5 vertebre fuse tra loro.

Come si chiama la parte centrale delle ossa?

Le ossa hanno due estremità, le epifisi, spesso rigonfie e ricoperte di cartilagine, le quali vanno a far parte delle articolazioni.

La parte centrale si chiama diafisi. All’interno della diafisi si trovano sia cellule ematiche (midollo rosso) che cellule adipose (midollo giallo).

Come aumentare la densità ossea?

Per aumentare la densità ossea ci sono diverse possibili strategie:

  • Dieta equilibrata e ricca di calcio
  • Buona esposizione al sole per attivare la vitamina D
  • Attività fisica costante

Cosa vuol dire osteoaddensante?

È un aggettivo che si riferisce a terapie o, al contrario, a condizioni patologiche che riguardano l’osso.

Le lesioni osteoaddensanti sono caratterizzate da un’area di tessuto osseo più compatto, più denso, che conduce a un aumento della massa ossea e alterazioni dell’architettura complessiva dello scheletro.

Per quale motivo il rimodellamento osseo è fondamentale per il mantenimento dei livelli di calcio nel sangue quali sostanze lo regolano?

L’osso non è solo un elemento strutturale del corpo ma funge anche di deposito di calcio e fosfato, che costituiscono la matrice ossea sotto forma di cristalli di idrossiapatite.

Ci sono ormoni come il paratormone e la calcitonina, i quali regolano il riassorbimento (aumento del calcio nel sangue) o la deposizione di calcio e fosforo a livello osseo.


Fonti:

Lascia un commento