Come può essere una triangolazione?

A volte nei film sentiamo l’espressione “triangolare un segnale”, magari durante una telefonata da rintracciare.

In parole semplici, come può essere una triangolazione?

Si tratta di una tecnica matematica che sfrutta le proprietà dei triangoli e permette di calcolare la distanza tra due città o due punti.

Può essere  usata per creare una mappa o una carta topografica.

Ma si utilizza anche nella finanza.

Il termine “triangolazione” viene usato anche in psicologia per identificare alcuni comportamenti manipolatori.

Come si effettua la triangolazione?

Per effettuare la triangolazione su una superficie o su un’area va fa formato idealmente un reticolo di triangoli adiacenti, che hanno in comune i vertici e i lati.

In pratica, si suddivide un’area (o un poligono) in triangoli adiacenti.

In seguito, sfruttando le proprietà dei triangoli e le formule geometriche a esse associate, è possibile calcolare la misura degli angoli interni, e di conseguenza la distanza tra due punti o anche una porzione di superficie.

Chi si ricorda come si trova l’altezza del triangolo?

È una formula che si impara da piccoli a scuola, ma le sue applicazioni, soprattutto quando si tratta di distanza tra un punto trigonometrico e un altro, sono davvero tante.

Cosa significa triangolare la posizione?

Triangolare la posizione significa identificare e determinare delle coordinate partendo da due punti noti.

Quando si ha a che fare con punti su un terreno o di misurazioni su una cartina, si parla spesso di triangolazione topografica.

In parole molto semplici, si potrebbe illustrare così il concetto: immaginiamo che tre punti su un terreno siano i vertici di un triangolo, e che ogni triangolo sia adiacente ad altri triangoli.

Stabilito questo, possiamo procedere a determinare la posizione specifica che si desidera individuare.

Ma come si calcola la distanza tra questi punti?

Semplice!

Grazie alle proprietà dei triangoli, e alle relative formule, possiamo misurare altezza, base e angoli.

Chi ha inventato la triangolazione?

Agli inizi del 1600 l’olandese Snellius Willebrordus, che si occupava della suddivisione dei terreni, ideò il metodo della triangolazione.

Grazie a questa invenzione, secondo la quale tre punti del terreno si possono considerare i vertici di un triangolo, la misura distanza tra punti è diventata più semplice e veloce.

Questo metodo ha trovato applicazione in geodetica e topografia, ed è valido ed utilizzato ancora oggi. 

Cosa si misura nelle triangolazioni?

Nelle triangolazioni si misura la distanza tra punti situati su un terreno o su un’area. Si può anche ricavare la superficie interna della suddetta area.

In questo modo si ottiene una posizione desiderata, una coordinata o un’informazione topografica utile per la suddivisione o la catalogazione di un terreno.

Per eseguire questa misurazione, tre punti sull’area presa in esame formeranno un immaginario triangolo.

Adiacenti a questo triangolo, si possono posizionare altri triangoli, formando così una sorta di reticolo.

Grazie alle proprietà trigonometriche di queste figure, si può capire come si misura un angolo di ciascun vertice, le altezze del triangolo e relativi lati. 

TRIANGOLAZIONE: SCOPRI UNO DEI SEGRETI DEL NARCISISTA CHE TI STUPIRÀ!


Domande correlate

Come calcolare una distanza sconosciuta?

Se si tratta di una distanza su di una superficie relativamente piccola, è sufficiente munirsi di uno strumento di misurazione, come un righello o un metro da muratore.

Se invece si tratta di una distanza in un’area molto vasta, si può utilizzare il metodo della triangolazione.

La triangolazione consiste nel determinare che 3 punti su una superficie formano un triangolo, intorno al quale se ne possono collocare altri di adiacenti. 

Come uscire dalla triangolazione?

In psicologia, la triangolazione è una forma di manipolazione indiretta a cui spesso fanno ricorso le personalità narcisistiche.

Uscire dalla triangolazione non è affatto facile. 

Oltre ad allontanarsi in modo deciso dal manipolatore (anche rompendo ogni legame), va poi fatto un intenso lavoro psicologico volto a sostituire le idee seminate da questa persona nella nostra mente con idee realistiche e sane.  

Come funziona la triangolazione Iva?

La triangolazione Iva, chiamata anche operazione triangolare, è un tipo di cessione a catena.

Nello specifico, avviene quando sono presenti tre soggetti diversi, che possiamo chiamare A, B e C.

In pratica, A acquista qualcosa da B (solitamente beni), e incarica B di spedirli direttamente a C, che è cliente di A.

Che cosa significa triangolare?

Triangolare significa identificare una posizione o una coordinata su di una superficie utilizzando il metodo della triangolazione.

Nella triangolazione, tre punti su una qualsiasi superficie vengono collegati a formare, appunto, un triangolo, le cui proprietà geometriche permettono di capire come misurare gli angoli, l’altezza e i lati.

Come reagire alla triangolazione del narcisista?

Dato che si ha a che fare con un narcisista, pretendere la fedeltà non è mai una buona idea.

Il modo migliore per reagire alla triangolazione di un narcisista è ignorarlo, allontanarsi e non dargli attenzioni. In alcuni casi, la cosa migliore da fare potrebbe essere tagliare i ponti con quella persona, ma va valutato di volta in volta.

Cos’è la triangolazione dello sguardo?

La triangolazione avviene negli esseri umani intorno al nono o decimo mese d’età.

È il momento in cui il bambino riesce a spostare la sua attenzione alternativamente da un adulto a un oggetto o a un evento terzo, mentre prima la sua attenzione era interamente focalizzata su una sola cosa (generalmente il genitore o un altro essere umano).

Come uscire dalla rete del narcisista?

È importante allenarsi a individuare il prima possibile le tecniche di manipolazione di un narcisista.

Se ci si trova alle prese con un manipolatore, per non rimanere intrappolati nella sua rete mentale si possono mettere in atto queste strategie:

  • Non dargli corda
  • Usare frasi brevi nel rispondere
  • Non mostrare interesse nell’argomento che vorrebbe essere usato per manipolarci
  • Dimostrarsi rilassati e continuare a sorridere
  • Fare battute ed essere autoironici
  • Cambiare argomento
  • Non irritarsi, ma rimanere calmi ed educati

Che tipo di donna sceglie il narcisista?

Il narcisista di solito attira donne dalla bassa autostima e che temono la solitudine.

Se si sentono scelte, queste donne potrebbero tendere ad accettare i soprusi e gli atteggiamenti manipolatori senza ribellarsi, per paura di essere abbandonate.

Cosa temono i narcisisti?

Il narcisista, per definizione, è una persona innamorata di sé stessa.

Quindi teme chiunque invada la sua intimità o voglia legarsi a lui in maniera che reputa troppo vincolante.

Teme inoltre il solo pensiero di essere una persona normale, come tutte le altre, quindi vuole sempre stare al centro dell’attenzione e dei pensieri delle sue “vittime”.

Lascia un commento