Come fare ingrossare l’aglio?

Per coltivare l’aglio bastano alcuni bulbi e un po’ di terra dove piantarli… 

Però affinché cresca come si deve, grande e ben sviluppata, la tua pianta di aglio ha bisogno di alcuni accorgimenti come la corretta esposizione alla luce solare, un suolo leggero e la giusta quantità di acqua.

Ma come fare ingrossare l’aglio? 

In questa guida rapida, scopriremo tutti i segreti del contadino sull’aglio e la sua coltivazione.

Aspetta che le foglie siano seccate

Quando si raccoglie l’aglio?

Il momento perfetto per raccogliere l’aglio maturo è quando le sue foglie diventano secche, di colore giallo – marrone e il gambo si svuota.

Questo accade normalmente dopo 5 – 6 mesi dopo la messa a dimora dei bulbi, tra maggio e luglio.

Quando li raccogli, aiutati con una cazzuola!

E ricorda di lasciarli a seccare all’aperto e al sole per 3 – 4 settimane, appesi in balcone o a una finestra.

Quando si semina l’aglio?

L’aglio si semina nei periodi in cui non gela, a novembre oppure a febbraio.

Non dimenticare che per crescere e ingrossare, la pianta di aglio ha bisogno di un periodo di freddo, quindi non aspettare la primavera inoltrata per piantare l’aglio.

Come si pianta l’aglio nell’orto?

Per piantare l’aglio nell’orto:

1. Prepara il terreno, lavorandolo a fondo per renderlo fine e leggero

2. Scava le buche, profonde 2 – 3 cm e distanti circa 12 cm le une dalle altre. La distanza ideale delle file invece è di 30 cm

3. Semina i bulbi a gruppi di tre, ricoprendoli di terra e innaffia leggermente il terreno

4. Se fa molto freddo, puoi coprire il suolo con un telo di tessuto non tessuto, almeno la notte

5. Se vuoi seguire anche la ciclicità della luna, dovresti piantare l’aglio in fase di luna calante!

Coltivalo al sole

Per fare ingrossare l’aglio, è fondamentale una buona esposizione solare.

Affinché cresca al meglio, la pianta di aglio e le sue foglie, hanno bisogno di almeno 6 ore di luce diretta e pieno sole.

Se il tuo aglio non cresce, può essere che riceva poca luce o che le temperature siano troppo basse (sotto ai 18°C).

Se invece fa molto caldo, può essere che il tuo aglio vada in fioritura prima del tempo.

Cosa fare se l’aglio va in fiore?

Quando l’aglio va in fioritura ed emette lo scapo fiorale, il rischio è che la crescita dei bulbi rimanga bloccata… Per evitare ogni problema, taglia il fiore con delle forbici non appena lo vedi e la pianta tornerà a crescere e ingrossare!

Vuoi sapere però qual’è il VERO SEGRETO DEI CONTADINI, per fare ingrossare l’aglio come palle da tennis?

Sai come cimare l’aglio?

La pratica di cimare o spianare l’aglio è uno dei segreti su come fare ingrossare l’aglio…

Cimare l’aglio consiste nel pestarlo all’altezza del suolo per spezzare il gambo, senza compromettere il bulbo.

Questa particolare tecnica va fatta poco prima del raccolto, intorno al solstizio d’estate, il 24 giugno.

Se nel tuo giardino non ci sono abbastanza ore di luce, sappi che esistono alcune varietà di aglio bianco, aglio rosso e aglio rosa, che apprezzano crescere a mezz’ombra!

Alleggerisci il terreno

Una delle cause dei tuoi bulbi di aglio piccoli e poco sviluppati, è sicuramente la composizione del suolo

Un terreno troppo pesante infatti, può soffocare le radici e la pianta non si svilupperà al meglio.

Per fare ingrossare la tua pianta di aglio, prepara sempre il terreno prima di seminare.

Ecco come preparare il suolo per l’aglio:

  • Sciolto, fine e zappato in profondità
  • Leggero e ben drenante, povero di argilla
  • Composto da materia organica, sabbia agricola e in piccole quantità anche torba
  • Ricco di sostanze nutrienti come potassio e zolfo ma anche azoto in quantità minori 

Usa aiuole rialzate

Per evitare di coltivare l’aglio in un suolo troppo compatto, potresti scegliere di usare un orto rialzato oppure coltivare in un cassone pieno di terriccio.

Le aiuole rialzate sono ideali anche per le zone umide e piovose, che l’aglio mal sopporta.

Puoi anche coltivare l’aglio in vaso senza difficoltà:

  • Un terriccio preparato per orto, leggero, drenante e ben concimato sarà perfetto
  • Scegliere il vaso è ancora più semplice: è sufficiente un contenitore profondo 40 cm e largo abbastanza da contenere tutti i tuoi bulbi equamente distanziati
  • Fai attenzione quando innaffi, che il terreno non rimanga mai zuppo di acqua
  • Ricorda di scegliere una posizione luminosa per i tuoi vasi

Innaffia con moderazione

La frequenza di irrigazione dell’aglio è molto importante!

In primavera, tra marzo e maggio, la pianta di aglio richiede acqua 1 volta a settimana (senza esagerare!)

Nel resto della stagione, non esige particolari annaffiature, se non quando il suolo appare secco da molti giorni.

Normalmente infatti, sono sufficienti le piogge stagionali.

Se però si esagera con l’acqua, il rischio di marciume, causato dal fungo sclerotum cepivorum, è molto alto.

Quando invece la tua pianta di aglio appare avvizzita, con le foglie grigie, rossastre o ricoperte di una patina bianca, allora si tratta quasi certamente di una di queste malattie:

  • Fusariosi
  • Peronospora 
  • Ruggine
  • Muffa bianca  
  • Mosca dell’aglio 

Concima, ma con attenzione

La pianta di aglio si adatta anche alla rotazione, perché NON teme i terreni poveri.

Quale concime dare all’aglio?

Scegli prodotti a base di potassio e che contengono anche zolfo (ovviamente adatti da orto!), che sono ottimi per fare ingrossare l’aglio!

Evita invece i fertilizzanti molto azotati, che favoriscono uno sviluppo eccessivo delle foglie a discapito del bulbo. 

La cenere ad esempio, è un ottimo aiuto se si parla di concime naturale per orto, perché ricca di potassio

Come concimare l’aglio con la cenere?

Quando prepari il terreno dove piantare l’aglio, ricordati di impastare con un pugno di cenere di legna il tuo letame o compost ben maturo! 

Fai molta attenzione a non esagerare o il pH del suolo ne risentirà…

Controlla il pH del terreno

La pianta di aglio richiede un terreno leggermente acido, con un pH compreso tra 5.5 e 7, per crescere e ingrossare.

La coltivazione dell’aglio comunque è possibile, entro un range di pH da 5 a 7.5.

Come misurare il pH del suolo?

Ti basta una cartina tornasole:

  1. Sciogli un cucchiaio di terra in un bicchiere di acqua distillata
  2. Mescola bene e poi bagna la cartina tornasole
  3. Aspetta alcuni minuti e controlla il colore sulla scala di riferimento del pH

Distanzia le piantine

Anche se le foglie e il fusto della pianta di aglio appaiono molto compatti, il bulbo e le radici sottoterra, hanno bisogno di molto più spazio!

Evita di mettere le piante troppo vicine e lasciagli lo spazio per crescere!

Semina i bulbi di aglio a circa 15 – 20 cm di distanza tra una pianta e l’altra.

Con un sesto d’impianto bello largo e spazioso ( 20 x 30 cm), le tue piante di aglio non andranno in competizione!

Ma ricorda di tenere pulito il suolo circostante dalle erbacce o il tuo lavoro sarà stato vano.

Lascia un commento