Come superare test professioni sanitarie?

Ed eccoci qua.

Stai completando le scuole superiori (YAY!) e ora è arrivato il momento di scegliere quale università intraprendere.

È un momento delicato, che richiede concentrazione e capacità di leggersi dentro, per capire cosa vuoi fare nel tuo futuro.

Se ti piacciono le materie scientifiche, potresti aver pensato di iscriverti a un corso di studi di professioni sanitarie.

C’è uno scoglio però: il test d’ingresso.

Come superare il test di professioni sanitarie? Scopriamolo insieme!

Come prepararsi al test di ammissione per professioni sanitarie?

Per prepararsi al test di ammissione per le professioni sanitarie puoi mettere in gioco diverse strategie.

La cosa migliore è senza dubbio prepararsi sui manuali appositi per la preparazione al test, in cui è presente sia la teoria che i quiz delle professioni sanitarie.

Esistono anche degli specifici manuali da 8.000 quiz su cui allenare la tua preparazione.

Qualora volessi perfezionare la tua preparazione, è possibile iscriversi ai corsi di preparazione per i test delle professioni sanitarie.

Ci sono sia corsi in presenza che corsi online.

Il costo medio di un corso in presenza è di circa 600€.

Le materie oggetto del test d’ingresso sono:

  • Cultura generale, ragionamento logico e lingua italiana
  • Biologia
  • Fisica
  • Chimica inorganica e chimica dei viventi
  • Matematica

Quante risposte esatte per superare il test di Professioni Sanitarie?

Iniziamo a capire come si svolge il test delle professioni sanitarie.

Il test si compone di 60 domande. Per rispondere si hanno a disposizione 100 minuti: in altri termini, un’ora e quaranta minuti.

Ma come vengono calcolati i punteggi?

  • Ogni risposta corretta vale 1,5 punti
  • Ogni risposta tralasciata vale 0 punti
  • Ogni risposta sbagliata vale -0,4 punti

Questo significa che conviene rispondere soltanto alle domande per cui si ha una relativa sicurezza della correttezza della risposta.

È invece consigliato lasciare le risposte su cui non si è sicuri, piuttosto che metterle a caso, per non rischiare di perdere punti.

Il punteggio minimo per entrare in graduatoria al test di professioni sanitarie è di 20 punti, il massimo è 90.

Per entrare basta in genere un punteggio di 30. Potrebbe essere anche sufficiente un punteggio inferiore, nel caso di facoltà che abbiano molti posti.

Cosa fare se non si passa il test di Professioni Sanitarie?

Il test delle professioni sanitarie non è facilissimo e può capitare di non passarlo al primo colpo.

Non disperare. Questo non significa che tu valga meno degli altri o che questa facoltà non faccia per te.

Dovresti prepararti meglio così da poter riprovare l’anno successivo.

Ma come impiegare il tuo tempo per migliorare la tua preparazione?

Molti studenti scelgono di iscriversi a un altro corso di studi. La scelta del corso deve essere basata sul piano di studi, che deve includere il maggior numero di esami in comune con la tua facoltà di scelta.

Opta sempre per una facoltà scientifica che potrà così prepararti al futuro test.

Le facoltà più adatte a questo scopo sono:

  • Farmacia
  • CTF
  • Chimica
  • Biotecnologie
  • Scienze biologiche

Cosa fare se non si passa il test di ammissione?

Come già detto, la prima cosa da fare è questa: non abbatterti.

Torna a prepararti sui manuali per il test. In alternativa puoi iscriverti a una facoltà simile, così da perfezionare la preparazione mentre consegui degli esami.

Questi esami potranno essere convalidati una volta che passerai il test d’ingresso per le professioni sanitarie, evitandoti la fatica di doverli ripetere.


Domande correlate

Cosa fare se non entri a infermieristica?

Se non riesci a entrare subito a infermieristica, non disperare!

Se ti piacciono le scienze, puoi scegliere numerose facoltà scientifiche simili, come biologia, chimica, fisica e matematica.

Anche farmacia è un’ottima scelta, avendo anche diversi esami in comune con infermieristica.

Come si calcola il punteggio dei test professioni sanitarie?

Il test delle professioni sanitarie comprende 60 domande e il tempo limite è di 100 minuti (cioè un’ora e 40).

Ogni risposta esatta vale 1,5 punti. Le risposte sbagliate TOLGONO 0,4 punti al totale. Una risposta non data invece conta 0 punti.

Dove è più facile entrare a igiene dentale?

Per capire dov’è più facile entrare alla facoltà di igiene dentale, bisogna vedere le regioni che prevedono più posti.

Le regioni con più posti sono:

  • Lombardia (183 posti)
  • Lazio (108 posti)
  • Emilia Romagna (56 posti)

Come prepararsi al test di ammissione a fisioterapia?

Il modo migliore per prepararsi al test di ammissione a fisioterapia è prepararsi sui libri appositi per i test delle professioni sanitarie.

Se si vuole approfondire, è possibile frequentare dei corsi di preparazione per i test alle professioni sanitarie.

Come iscriversi ai test di Professioni Sanitarie 2022?

Per iscriversi al test di professioni sanitarie bisogna presentare la domanda presso l’ateneo che ti interessa.

Sul portale online dell’ateneo di riferimento troverai tutte le procedure necessarie da rispettare e le scadenze.

Cosa studiare per prepararsi ai test di Professioni Sanitarie?

Secondo il programma del MIUR, gli argomenti su cui verterà il test di ingresso alle professioni sanitarie sono:

  • Cultura generale, ragionamento logico e lingua italiana
  • Biologia
  • Fisica
  • Chimica inorganica e chimica dei viventi
  • Matematica

Quanti punti servono per passare infermieristica?

Per entrare in graduatoria nel test di infermieristica, il punteggio minimo è di 20 punti.

Dipenderà poi dai punteggi totalizzati nelle varie regioni, il quale determinerà il minimo punteggio per il raggiungimento dei posti previsti.

Quanti punti ci vogliono per entrare a infermieristica?

Il punteggio minimo per entrare in graduatoria è di 20 punti.

Generalmente, un punteggio di 30 punti dovrebbe essere sufficiente per entrare. Negli atenei che hanno più posti a disposizione, potrebbe bastare anche un punteggio inferiore.

Quanti punti per entrare a igiene dentale?

Per entrare a igiene dentale servono meno punti di quanti ne occorrono per entrare a Medicina o a Odontoiatria.

Un punteggio di 20 punti è necessario per entrare in graduatoria, mentre un punteggio di circa 30 dovrebbe essere sufficiente a entrare, in base al numero di posti disponibili e al risultato degli altri candidati.

Dove è più facile entrare a Dietistica?

Dipende dalla disponibilità di posti. Più posti ci sono e più avrai possibilità di entrare a Dietistica.

Gli atenei con il maggior numero di posti per dietistica sono:

  • Ferrara (45 posti)
  • Palermo (45 posti)
  • Milano (30 posti)
  • Padova (30 posti)
  • Roma Tor Vergata (30 posti)
  • Chieti (30 posti)

Dove si accede più facilmente a fisioterapia?

Le università in cui è più facile entrare a fisioterapia sono diverse e variano di anno in anno.

Sicuramente, le migliori università di fisioterapia sono:

  • Perugia
  • Udine
  • Modena e Reggio Emilia
  • Milano Bicocca
  • Verona

Dove è più facile entrare in logopedia?

Sono diverse facoltà in cui è più semplice entrare a logopedia. 

Quella che richiede solitamente il punteggio più basso è l’Università di Catanzaro. Anche Torino e Padova possono essere due scelte più facili delle altre.

Come si calcola il punteggio dei test di ammissione?

Il calcolo del punteggio nei test di ammissione nazionali ai corsi ad accesso programmato è standard e prevede il seguente metodo:

  • +1,5 punti per ogni risposta corretta
  • 0 punti per le risposte lasciate
  • -0,4 punti per le risposte sbagliate

Conviene quindi non rispondere nel caso non si abbia la relativa sicurezza della risposta.

Come funziona lo scorrimento delle graduatorie di Professioni Sanitarie?

Laddove vengano aggiunti posti o qualche candidato rinunci all’ingresso, possono verificarsi degli scorrimenti.

Verrà stilata una nuova graduatoria tra i candidati che avevano ottenuto i punteggi migliori ma non sono riusciti a entrare e questi verranno contattati man mano che si liberano i posti, a partire dal punteggio più alto.

Quando escono gli scorrimenti professioni sanitarie?

I risultati del test delle professioni sanitarie vengono pubblicati circa due settimane dopo il test.

Dopo circa altre due settimane, inizieranno ad essere rese note le graduatorie di scorrimento e i candidati verranno contattati per la comunicazione ufficiale dell’ingresso.

Che università fare se non si passa medicina?

Le principali alternative all’università di Medicina sono:

  • Farmacia
  • CTF (chimica e tecnologie farmaceutiche)
  • Biotecnologie
  • Biologia

Queste facoltà hanno dei piani di studio con molti esami in comune con medicina e potranno essere convalidati in caso di ingresso l’anno successivo.

Quali facoltà convalidano gli esami per infermieristica?

Gran parte dei corsi di laurea nell’area medico-scientifica hanno diversi esami in comune con infermieristica.

Queste facoltà ti consentiranno di prepararti al test per l’anno successivo e di convalidare un buon numero di esami.

  • Farmacia
  • CTF
  • Chimica
  • Biotecnologie
  • Scienze biologiche

Quali sono gli esami di infermieristica?

Gli esami di infermieristica coprono tutta l’area medico-scientifica. Il primo anno, gli esami riguardano le scienze di base e i rudimenti di anatomia.

Nel dettaglio, la lista degli esami del primo anno comprende:

  • Istologia
  • Biologia
  • Fisica
  • Informatica
  • Anatomia Umana
  • Statistica Medica
  • Genetica
  • Psicologia generale

Quanti punti servono per entrare in Ostetricia?

Il punteggio massimo è di 90 punti mentre il minimo per essere inseriti in graduatoria è di 20 punti.

In genere per superare il test e accedere al corso di studi basta un punteggio di 30 punti. Dipenderà poi dal numero di posti disponibili nel singolo ateneo e dai risultati ottenuti dagli altri candidati.

Lascia un commento