Rododendro con punte secche?

Se il tuo rododendro sofferente mostra foglie secche o punte di germogli morti, le cause possono essere molte…

Vuoi scoprire tutto sulla cura del rododendro e sulle sue malattie? Allora sei nel posto giusto!

Frosttrocknis, phytophtora, funghi fogliari e bruciature sono le principali cause del rododendro con punte secche e dell’orchidea con foglie gialle.

Scopri con noi tutti i segreti, per coltivare al meglio queste piante acidofile dai fiori profumatissimi!

Perché il rododendro fa le foglie marroni?

Perché le foglie del rododendro si macchiano di Marrone?

  • Bruciature

Se durante l’estate il tuo rododendro mostra foglie marroni, secche e con macchie brune, probabilmente si tratta di bruciature dovute al sole.

Cerca una posizione in cui non riceva la luce diretta durante le ore più calde della giornata.

Le scottature si possono riconoscere facilmente, perché compaiono solo dove la pianta viene colpita dai raggi solari.

Ricorda, gli esemplari acquistati al vivaio producono fiori molto grandi ma sono molto più suscettibili alle condizioni climatiche.

  • Frosttrocknis

Se la tua pianta mostra invece macchie marroni e germogli parzialmente o completamente secchi durante la primavera, allora hai a che fare con il “congelamento dei grilletti”, un danno da gelo dovuto ad un inverno nevoso, che non ha permesso la giusta traspirazione alla pianta.

Quando gela e poi esce il sole infatti, il ghiaccio si scioglie, lasciando aprire gli stomi delle foglie che rilasciano umidità. Ovviamente il suolo è troppo freddo per idratare la pianta e quindi, le foglie si seccano.

  • Phytophtora o filiale morente

Si tratta di una malattia fungina che porta all’avvizzimento di foglie e germogli. Si può distinguere dalle altre malattie, perché in questo caso le macchie si diffondono dal centro della foglia e anche le estremità dei rami cambiano colore, diventando neri o marroni.

Questa infezione fungina può insorgere anche dalle radici e dipende molto spesso dal tipo di suolo (troppo pesante o alcalino) e dalle irrigazioni troppo abbondanti.

  • Ruggine di rododendro

Questa malattia fortunatamente non è pericolosa per la vita della pianta, ma è sicuramente antiestetica e può essere facilmente debellata con un prodotto generico. 

La si può riconoscere dalle macchie di muffa giallo – arancioni sulle foglie.

Possiamo prevenirla facilmente scegliendo la giusta posizione e il terreno adatto.

  • Altri funghi e malattie

Esistono molte altre infezioni fungine e funghi fogliari come la glomerella, la pestalotia, la cercospora e il colletotrichum. 

Per tutte queste malattie, ci si rifà ad una diagnosi collettiva detta “punto del foglio”. Sono infatti tutte determinate dagli stessi sintomi: la comparsa di macchie o puntini di colore rosso, bruno o marrone che si vanno a sviluppare assieme a leggeri strati di muffa.

Durante le estati calde e umide, il rischio di muffe diventa molto alto.

Se le macchie sulle foglie sono bianche, probabilmente si tratta del moscerino tingide. Possiamo debellarlo con facilità, con un insetticida da usare a maggio e ad agosto.

Perché il rododendro fa le foglie gialle?

Perché il rododendro ha le foglie gialle?

Se le foglie del rododendro diventano gialle o secche, allora devi capire come coltivarlo al meglio…

La clorosi è la prima causa di ingiallimento delle foglie nei rododendri. 

Si tratta di una carenza di minerali dovuta al pH del suolo.

Queste piante infatti sono acidofile e un terreno alcalino, che è ricco di calcio, può limitare l’assorbimento di sostanze nutrienti come il ferro e l’azoto.

Per risolvere il problema, puoi rinvasare il rododendro in un terriccio per piante acidofile e magari concimare con un fertilizzante per piante acidofile.

Se invece vuoi prevenire la clorosi e altri problemi, ecco come prendersi cura del rododendro, a cominciare dal suolo:

  • Terriccio fresco, leggero e ben drenante
  • pH acido (5 – 7)
  • Ricco di sostanze nutritive e povero di calcio

Un piccolo trucchetto per mantenere il pH acido, è quello di mettere di tanto in tanto alcuni fondi di caffè nel vaso prima di annaffiare.

Cosa vuol dire quando le punte delle foglie delle piante si seccano?

Quando le punte delle foglie di rododendro si seccano, la prima cosa da guardare è l’umidità ambientale. Per controllare ti basta un termoigrometro, di quelli per vedere la temperatura di casa insomma.

Spesso infatti le punte delle foglie sono secche, quando la pianta è posizionata in un ambiente troppo caldo o soleggiato.

Anche la frequenza delle irrigazioni è molto importante!

Per evitare uno stress idrico alla pianta infatti, è consigliabile irrigare con regolarità, senza eccedere con le quantità.

Non dimenticare che questi problemi possono bloccare anche la fioritura delle tue piante.

Quanto bagnare il rododendro in vaso?

La frequenza e la quantità di acqua quando si annaffia un rododendro o un’orchidea sono molto importanti.

Nei periodi caldi come primavera ed estate, le annaffiature devono essere più frequenti, non appena il terreno appare secco o asciutto. 

In autunno e inverno invece, le irrigazioni andrebbero sospese, quando si coltiva all’aperto. Questo perché dovrebbero essere sufficienti le piogge stagionali e l’umidità notturna.

Quanta acqua al rododendro?

Ricordati di bagnare il vaso con almeno 250 ml di acqua. Per stare sicuro, puoi mettere un sottovaso per 15 minuti mentre innaffi.

Perché si bruciano le punte delle foglie?

Le punte delle foglie si bruciano quando fa troppo caldo, o troppo freddo. Questo perché, oltre ad assorbire i raggi solari, la foglia ha anche il compito di scambiare i fluidi come l’acqua all’interno dei tessuti, per idratare la pianta e regolare la sua temperatura interna.

Quando le temperature sono troppo alte (o troppo basse) e la pianta non riesce ad autoregolarsi, ecco che compaiono i primi segni di bruciatura e avvizzimento dei bordi delle foglie.

Le punte delle foglie quindi si bruciano per:

  • Temperature troppo alte o troppo basse
  • Carenza di acqua nella pianta

Non dimentichiamoci però che anche l’effetto lente d’ingrandimento di una finestra può causare macchie e bruciature molto simili sulle nostre piante. 


Domande correlate

Perché il rododendro perde le foglie?

Se il tuo rododendro sofferente ha foglie secche, avvizzite e che cadono, probabilmente hai a che fare con il fungo radicale Phytophthora cinnamoni. Taglia tutti i rami malati e provvedi a sostituire il terriccio con un substrato per piante acidofile e ben drenante.

Come concimare i rododendri?

Se vuoi vedere sempre verdi e rigogliosi i tuoi rododendri, ricorda di concimare con un prodotto specifico per piante acidofile, come un fertilizzante ricco di azoto e ferro.

La scelta migliore è un concime granulare a lento rilascio, da spargere nel vaso ogni 4 – 6 mesi.

Come curare una pianta di rododendro?

È molto importante sapere dove mettere il rododendro. Questa pianta infatti gradisce un’esposizione luminosa a mezz’ombra o senza luce diretta, ad esempio vicino a siepi e alberi.

Teme infatti il caldo ma anche il gelo.

Ma dove posizionare il rododendro in vaso?

Per coltivare il rododendro, ricorda che questa è una pianta acidofila e quindi ha bisogno di un terriccio specifico, leggero e con pH acido.

Se scegli di coltivare il rododendro in vaso, avrai bisogno di un contenitore di grandi dimensioni (almeno 40 litri) ma che si possa spostare, per tenerlo lontano dalla luce diretta del sole.

Cosa fare quando le punte delle foglie si seccano?

Sai come si tagliano le foglie secche delle orchidee?

Ti bastano un paio di forbici da potatura pulite e affilate, con cui tagliare le parti secche del tuo rododendro sofferente.

Fai attenzione a lasciare un margine di alcuni millimetri ancora verde, per permettere alla foglia di ricrescere senza fatica.

Quanto dura la fioritura del rododendro?

Il periodo di fioritura del rododendro (o azalea) va da maggio a luglio, a seconda della varietà. Il rododendro bianco ad esempio, inizia a fiorire a giugno inoltrato nelle montagne italiane.

La fioritura del rododendro dura circa 2 settimane, con boccioli molto profumati che possono essere di colore bianco, rosa, rosso, fucsia o magenta.

Lascia un commento