Quanto costa la Pec?

Quante volte ti sarà capitato di andare alla Posta, spendere del tempo in fila, in attesa del tuo turno, soltanto per poter spedire una raccomandata con ricevuta di ritorno?

Dal 2005, grazie a un Decreto del Presidente della Repubblica, è possibile sostituire la suddetta pratica semplicemente con un messaggio di posta elettronica “certificata”. Certificata nel senso che si differenzia dalle comuni email perché ne viene attestato il valore legale.

Non è obbligatoria se non per alcuni casi specifici, ad esempio per poter presentare domande ai concorsi, ma è indubbiamente uno strumento potente e affidabile, che dà la certezza che il messaggio inviato arrivi al destinatario. 

È anche conveniente dal punto di vista economico: sai quanto costa la Pec? A volte anche meno di due raccomandate con ricevuta di ritorno.

Quanto costa attivare la Pec?

Comoda, veloce, affidabile, sicura: la posta elettronica certificata è usata da un numero sempre più crescente di persone al posto della ancora ovviamente valida raccomandata cartacea con ricevuta di ritorno.

Per attivare una Pec devi innanzitutto scegliere un provider, cioè un gestore, che sia nell’elenco di quelli iscritti e approvato dall’AgID.

L’AgID, Agenzia per l’Italia Digitale, è un’agenzia che accredita o autorizza alcuni soggetti, pubblici o privati, a svolgere attività in ambito digitale e, tra questi soggetti, rientrano i gestori del servizio Pec.

Una volta individuato il provider, dovrai scegliere il tipo di servizio di cui hai bisogno, ad esempio riguardante la dimensione dello spazio della casella di posta.

A questo punto, a meno che tu non abbia scelto uno dei provider che offrono un periodo di utilizzo gratuito, puoi attivare la tua Pec.

Quanto costa? Il prezzo varia da gestore a gestore e dipende dal tipo di servizio acquistato. Ad esempio, PostaCert offre il servizio Pec a partire da 5.50 euro + IVA per un anno.

Cos’è la Pec?

L’acronimo Pec è facilmente intuibile: sta per “posta elettronica certificata”. Sembra qualcosa di complicato, in realtà è estremamente semplice: è una casella di posta elettronica che, in virtù del DPR 68/2005, possiede lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Attualmente è ancora una peculiarità italiana, ma lo scopo è quello di renderla conforme allo standard UE.

Si chiama “posta certificata” perché il provider, al momento dell’invio di una email, rilascia al mittente una ricevuta che comprova la spedizione del messaggio e di eventuali allegati.

Di contro, il gestore Pec del destinatario invia al mittente la ricevuta che attesta la ricezione del messaggio, in pratica l’equivalente della ricevuta di ritorno della raccomandata cartacea.

Come funziona la Pec?

Dall’invio di posta certificata da parte del mittente all’arrivo del messaggio nella casella Pec del destinatario, ci sono diversi passaggi:

  • l’email certificata viene presa in carico dal Punto d’accesso, ossia dal server Pec del mittente, che esegue una serie di controlli 
  • il Punto d’accesso accetta il messaggio e invia al mittente una ricevuta con data e ora dell’accettazione, l’oggetto e i dati del mittente e del destinatario
  • il Punto di accesso imbusta il messaggio originale in una “busta di trasporto” firmata dal provider Pec del mittente
  • l’email certificata arriva al punto di ricezione che ne controlla la provenienza e la validità della firma del provider Pec
  • superati i controlli in modo positivo, l’email di posta certificata viene consegnata al Punto di consegna
  • il Punto di consegna invia al mittente una ricevuta di consegna, certificandone ora e data 

Come creare una Pec?

Arrivati a questo punto, ti starai chiedendo come fare una Pec. Niente di complicato, in realtà, il procedimento non è così diverso da quello per aprire una comune casella di posta elettronica.

Solitamente gli step sono più o meno gli stessi indifferentemente dal provider scelto e si possono riassumere in pochi punti:

  • scegli il provider di posta elettronica certificata
  • registrati al sito e clicca su “acquista Pec online”
  • scegli il nome della casella di posta e aggiungi i tuoi dati
  • scegli il metodo di pagamento
  • sottoscrivi il servizio

A questo punto non devi far altro che attendere che il provider controlli i tuoi documenti, accetti la tua richiesta e che te ne comunichi l’attivazione. 

Perché la Pec è obbligatoria?

Ovviamente la Pec non è sempre obbligatoria, ma l’obbligo di usarla sussiste quando viene richiesta una comunicazione che abbia valore legale. Ad esempio è richiesta la Pec per:

  • inviare documenti alla pubblica amministrazione
  • partecipare ai concorsi statali
  • invio di documenti importanti, come quelli per le gare d’appalto
  • per inviare lo stipendio ai dipendenti
  • per scambi di documenti tra aziende

Quanto costa la Pec?

Non c’è un costo standard per la Pec, quindi ogni gestore decide quanto e cosa far pagare in base ai servizi offerti.

I fornitori Pec sul mercato sono veramente tanti e ognuno di loro offre un’ampia varietà di tipologie di posta elettronica certificata. 

Come scegliere? Ovviamente cercando il punto di incontro più favorevole tra le varie offerte e il costo del servizio. 

Il costo medio per una Pec base si aggira intorno ai 5 euro più Iva per il primo anno, per poi aumentare dal secondo anno in poi.

Quale Pec scegliere

Facciamo subito chiarezza: non esiste una Pec migliore dell’altra, esistono servizi e costi ed è sulla base di questi che dovresti orientare la tua scelta.

Se vuoi orientarti nel mondo delle offerte di posta elettronica certificata, ecco un breve riepilogo di alcuni tra i più gettonati provider, dei quali ti illustrerò soltanto due caratteristiche: lo spazio offerto e i costi del servizio al netto dell’Iva per il 2022.

Serverplan

Serverplan è un web hosting, ossia si occupa di allocare la pagine web di un sito o di un’applicazione su un server di rete. Offre anche un servizio di posta elettronica certificata con un’offerta di ben 4 pacchetti

  • Pec standard, 9 euro annue per 2 Gb di spazio
  • Pec Top, 30 euro annui per 2 Gb di spazio
  • Pec Premium, 29 euro annui e 5 Gb di spazio
  • Dominio Certificato, 25 euro annui

Aruba Pec – Posta Certificata Aruba

Aruba è tra i provider più utilizzati per la posta elettronica certificata. La sua offerta prevede tre diverse tipologie di Pec:

  • Pec Standard, dal costo di 5 euro per il primo anno, 9 euro dal secondo, per 1 Gb di spazio
  • Pec Pro, con un costo di 25 euro, 2 Gb di spazio e 3 Gb di archivio
  • Pec Premium, 40 euro annui per 2 Gb di spazio e 8 di archivio

Pec Poste Italiane – Postecert

Anche Poste Italiane prevede diverse tipologie di offerta per la sua Pec:

  • Pec Privati, per 100 MB di spazio a fronte di 5.50 euro per il primo anno e 9 euro dal secondo in poi
  • Pec per professionisti: da 3.85 euro per 2 Gb di spazio
  • Pec Business, nella versione base o avanzata, entrambi con uno spazio minimo di 1 GB
  • Pec per le Pubbliche Amministrazioni, con un elevato grado di sicurezza e uno spazio minimo di 1 Gb

Legalmail Pec – Infocert Pec

Legalmail è un provider che ti consente di provare il suo servizio gratuitamente per 6 mesi. Ti consente di scegliere lo spazio di cui hai bisogno e per ogni Gb acquistato il costo è di 18 euro l’anno.

Pec Libero – Mail Pec

Anche il portale Libero propone due diverse tipologie di Pec:

  • Pec Family, a 14.99 euro l’anno Iva inclusa, per 1 Gb di spazio
  • Pec Unlimited, con spazio illimitato come recita il nome, per un costo di 30 euro + Iva annui

Register Pec

Register Pec offre gratuitamente per 6 mesi i suoi due pacchetti di posta elettronica certificata per uso privato per uso professionale. Trascorso il periodo di gratuità, il costo è di 35.60 euro + Iva annui.

Kolst Pec

L’offerta di Kolst propone invece 3 diversi pacchetti di Pec:

  • Smart, 1 Gb di spazio a 5 euro per il primo anno e 6 dal secondo, al netto di Iva
  • Dominio 5, con 5 Gb di spazio a 10 euro per il primo anno e 20 dal secondo in poi, prezzo al netto di Iva
  • Dominio 10, prevede 10 Gb di spazio con costi rispettivamente per il primo e anni successivi di 30 e 40 euro + Iva.

Lascia un commento