Come capire se la pressione è alta senza misurarla?

Hai mai sentito parlare di ipertensione?

Sono certo di sì: la pressione alta è una condizione molto diffusa dato lo stile di vita attuale e l’età media che si alza sempre di più.

Si stima che l’ipertensione arteriosa affligga, in Italia, il 33% degli uomini e il 31% delle donne, mentre circa il 19% degli uomini e il 14% delle donne sono in una condizione definibile a rischio.

Ma come capire se la pressione è alta senza misurarla?

Come capire se la pressione è alta senza misurarla?

I misuratori di pressione

Come faccio a sapere se ho la pressione alta?

Semplice: la prima cosa da fare è munirti di un buon misuratore di pressione.

I migliori misuratori di pressione sono quelli da braccio.

Puoi trovarne di diversi tipi. I principali sono:

  • Misuratori di pressione manuali

Richiedono l’uso di uno stetoscopio per sentire le pulsazioni del braccio, il quale va posto subito al di sotto del bracciale gonfiabile. 

C’è bisogno di esperienza e pratica per imparare a svolgere correttamente la misurazione

Una volta appreso come fare, sono senza dubbio i più precisi e affidabili.

  • Misuratori di pressione automatici

Anch’essi funzionano attraverso un bracciale che si gonfia ma la misurazione avviene in maniera totalmente automatica. 

La pressione minima, la massima e la frequenza cardiaca appariranno sullo schermo del dispositivo al termine della misurazione.

Tuttavia, sono generalmente meno precisi rispetto alla misurazione manuale.

Se vuoi sapere quale sia il miglior misuratore di pressione da acquistare, dai un’occhiata a questo articolo.

Ascoltare i sintomi

È importante conoscere i sintomi della pressione arteriosa alta.

In questo modo saprai riconoscerli e rivolgerti al medico in caso di necessità.

Tuttavia, l’ipertensione viene chiamata in ambiente medico “il killer silenzioso” e c’è un motivo: quasi sempre si tratta di una condizione totalmente asintomatica.

Il paziente si sente bene e non sente nessun sintomo che possa fargli sospettare di avere valori di pressione anche molto alti.

Questo perché l’ipertensione si instaura molto lentamente nel tempo, dando modo all’organismo di compensare.

Quando però si hanno degli sbalzi di pressione piuttosto repentini, ecco che si manifestano i sintomi.

I principali sintomi della pressione alta sono:

  • Mal di testa, forte e persistente che non recede con gli analgesici
  • Vertigini e senso di vuoto nella testa
  • Palpitazioni
  • Ronzii alle orecchie
  • Difficoltà di concentrazione

Gli ultimi consigli

Come avrai capito, la pressione alta è una patologia subdola e molto seria.

Per combatterla, è importante mantenere uno stile di vita sano, fatto di esercizio fisico e di un’alimentazione bilanciata e povera di sodio.

I sintomi non sempre sono presenti: diventa quindi molto importante misurare la pressione quotidianamente, con l’aiuto di un buon misuratore di pressione.

Ci sono molti rimedi naturali contro l’ipertensione. Tuttavia, è importante chiedere sempre consiglio al proprio medico curante e, se necessario, affidarsi alla corretta terapia prescritta.

Domande Frequenti

Perché misurare la pressione 3 volte?

La pressione andrebbe sempre presa con almeno tre misurazioni consecutive ogni volta (meglio se a un minuto di distanza l’una dall’altra).

Questo è vero per due motivi:

  1. Nella prima misurazione l’ansia potrebbe alzare la pressione dando un valore troppo elevato. Questo è il motivo principale.
  2. Se si misura la pressione con uno sfigmomanometro manuale, il medico o l’operatore che misura la pressione potrebbe non prenderla con precisione alla prima misurazione.

Quando non misurare la pressione?

La pressione va misurata da seduti e sempre a riposo.

Questo significa che non si deve venire da lunghe camminate o da altri tipi di sforzo fisico, come una salita oppure dopo aver fatto le scale.

Lo sforzo fisico influenza (in positivo) la pressione e la mostrerebbe più elevata di quanto non sia realmente.

Come fare per far abbassare la pressione subito?

La prima cosa da fare quando si ha la pressione alta è ridurre il consumo di sale.

Non basta ridurre l’utilizzo di sale da cucina: vanno evitati tutti gli alimenti ad alto contenuto salino come insaccati e formaggi.

Come si misura la pressione sdraiati o seduti?

Non fa differenza. Per misurare la pressione si può procedere sia da sdraiati che da seduti.

Le cose importanti di cui tenere conto sono:

  • Il braccio deve essere spogliato da tutti gli indumenti
  • Va poggiato su una superficie piana, va bene anche un libro
  • Se si misura da seduti, il braccio deve essere portato alla stessa altezza del cuore

Quali sono le ore più adatte per misurare la pressione?

Di solito sono sufficienti due misurazioni giornaliere.

La mattina, prima di fare colazione, è il momento obbligato. Appena svegli c’è il picco della pressione, che coincide con l’aumento in circolo dell’ormone cortisolo.

Bisogna misurarla prima di prendere qualsiasi medicina, per evitare che possa interferire con la misurazione.

La seconda misurazione è bene farla di sera, prima di andare a dormire.

Quando è più alta la pressione durante il giorno?

La pressione sanguigna più alta si raggiunge intorno a mezzogiorno.

Subisce molte fluttuazioni durante la giornata. Generalmente i valori più bassi si raggiungono di notte, mentre si dormono.

Ovviamente i livelli pressori non dipendono soltanto dall’ora della giornata ma anche dalle attività svolte, dalle emozioni, dalla temperatura ambientale.

Quanto deve essere la pressione la sera?

La pressione di sera deve rimanere nei range normali della pressione arteriosa.

L’ideale sarebbe mantenerla sotto i 120/80. È comunque necessario che non superi i 140/90.

Perché la pressione sale di sera?

Di sera e a mezzogiorno, la pressione tende a essere più elevata.

Questo perché in queste due fasi del giorno si raggiungono i picchi di cortisolo, ma anche perché la cena può andare a influire negativamente sulla pressione.

I cibi salati sono i peggiori nemici della pressione arteriosa!

Come capire se si ha la pressione alta?

Se non si ha modo di misurare la pressione, puoi capire di avere la pressione alta prestando attenzione ai sintomi.

I principali sintomi della pressione alta sono:

  • Mal di testa, forte e persistente che non recede con gli analgesici
  • Vertigini e senso di vuoto nella testa
  • Palpitazioni
  • Ronzii alle orecchie
  • Difficoltà di concentrazione

Cosa fare quando la pressione minima è alta?

La pressione minima alta può essere molto pericolosa, in quanto può aumentare notevolmente il rischio di ictus emorragico.

Per abbassarla, si raccomanda di:

  • Aumentare l’esercizio fisico
  • Evitare il più possibile le condizioni stressanti
  • Ridurre il consumo di sale
  • Rivolgersi al proprio medico curante, che prescriverà un’opportuna terapia contro l’ipertensione

Quando la pressione minima diventa pericolosa?

Valori di pressione minima compresi tra 80 e 89, associati a una massima tra 120 e 139 configurano già una condizione di pre-ipertensione.

Sopra 90 la minima diventa pericolosa e si parla di ipertensione franca.

Come abbassare la pressione subito senza farmaci?

I migliori alleati contro la pressione alta sono:

  • Esercizio fisico (non necessariamente intenso, basta circa mezz’ora di camminata veloce)
  • Combattere l’ansia, con esercizi di respirazione e, se necessari, rimedi ansiolitici
  • Mangiare con poco sale
  • Bere una tisana rilassante
  • Ricorrere ai farmaci anti-ipertensivi, previa ricetta del medico curante

Quando bisogna preoccuparsi per la pressione alta?

I valori normali di pressione sono 120/80 mmHg.

Quando la pressione sale sopra 140/90 (basta anche solo uno dei due valori a essere elevato) bisogna comunicarlo al proprio medico, che valuterà la situazione ed eventualmente inizierà una terapia antipertensiva.

Quando la pressione supera i 180/110 si tratta di crisi ipertensiva ed è necessario recarsi al pronto soccorso.

Come capire se soffro di pressione alta?

Inutile dirlo: il metodo migliore è misurare la pressione.

Se non hai a disposizione un misuratore di pressione, fai attenzione ai sintomi classici dell’ipertensione, che sono:

  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Senso di confusione
  • Ronzio alle orecchie
  • Alterazioni della vista

Tieni presente che l’ipertensione viene anche chiamata “il killer silenzioso”, proprio perché è frequente che non dia sintomi.

Come si fa ad abbassare subito la pressione?

Uno dei principali nemici dell’ipertensione è l’ansia.

Per abbassare la pressione bisogna per prima cosa cercare di trovare tranquillità ed evitare gli eventi stressanti.

Inoltre puoi:

  • Ridurre il consumo di sale e alimenti ricchi di sale, come insaccati e formaggi
  • Evitare i pasti molto grassi
  • Fare una moderata attività fisica
  • Smettere di fumare

Come abbassare la pressione in modo naturale?

Esistono diversi rimedi naturali che possono aiutarti ad abbassare la pressione.

Eccone alcuni:

  • Biancospino
  • Valeriana
  • Passiflora
  • Aglio
  • Acqua di cocco
  • Karkadé
  • Zenzero

Ricorda che se l’ipertensione è troppo alta, i rimedi naturali non bastano: rivolgiti al tuo medico di medicina generale.

Quanto tempo ci vuole per abbassare la pressione?

Con le attuali terapie, il tempo che occorre per vedere i risultati dei farmaci per la pressione è variabile.

Gli effetti non sono immediati.

Generalmente bisogna attendere un paio di settimane, a volte anche un mese.


Fonti:

Lascia un commento