Dove si diffuse principalmente il monachesimo anacoreta?

Gli anacoreti erano monaci che vivevano in solitudine nei primi tempi del cristianesimo, dedicandosi alla preghiera e alla produzione di testi liturgici.

Cercavano di raggiungere attraverso la contemplazione uno stato di grazia e purezza d’anima.

Il termine anacoreta è usato anche in riferimento a un penitente che, isolandosi dal mondo, tenta di espiare i suoi peccati attraverso la meditazione.

Ma dove si diffuse principalmente il monachesimo anacoreta?

Dove si diffuse principalmente il monachesimo anacoreta?

I primi anacoreti sono stati i cosiddetti Padri del deserto. Si trattava di mistici cristiani che intorno al terzo secolo dopo Cristo si ritiravano nel deserto egiziano di Fayum per dedicarsi a una vita spirituale.

Si ipotizza che sia nato dopo la persecuzione di Decio e Valeriano, e che si sia poi esteso in Palestina e Siria.

Dove si diffuse il monachesimo cenobita?

A differenza degli anacoreti, i monaci cenobiti sceglievano di seguire uno stile di vita comunitario. I momenti di condivisione includono la preghiera, il lavoro e spesso anche i pasti.

La nascita del cenobitismo si fa risalire al monaco egiziano San Pacomio, vissuto intorno al quarto secolo dopo Cristo.

Si è poi diffuso in Siria, Palestina e Asia Minore.

Quando iniziò a svilupparsi il monachesimo?

Le prime forme di monachesimo hanno iniziato a svilupparsi nel secondo secolo avanti Cristo, ad opera di alcuni gruppi di Ebrei insidiatisi nell’area del Mar Morto.

Vivevano totalmente isolati dal resto del mondo e in completa povertà: lavoravano, pregavano e studiavano.

Da questo esempio è nato il monachesimo orientale cristiano.

Quali regole devono osservare i cenobiti?

Il cenobismo in Occidente è stato diffuso da San Benedetto da Norcia, fondatore dell’Ordine Benedettino, e da San Colombano.

San Benedetto ha formulato la Regola, basata sui principi di povertà, obbedienza, preghiera e lavoro, sulla base del celebre motto “Ora et labora” (dal latino, prega e lavora).

San Colombano predicava una vita monastica condotta in modo semplice e improntata alla preghiera, per porsi come esempio di fede e di santità. La sua Regula monachorum si basava su dieci principi:

  • disprezzo dei beni terreni
  • preghiera
  • obbedienza
  • ripudio della vanità
  • ripudio della superbia e dell’orgoglio
  • discrezione
  • silenzio
  • digiuno
  • castità
  • essere modello di vita santa

Domande correlate

Cosa fanno i cenobiti?

I cenobiti scelgono di abbandonare la vita comune per seguire unicamente una vita improntata alla spiritualità e alla preghiera.

Il ritmo delle loro giornate è scandito da precise regole che fissano il tipo di attività e i relativi orari.

Come si pronuncia cenobita?

La pronuncia corretta è: cenobìta.

Quanti tipi di monachesimo ci sono?

I principali ordini monastici sono cinque: Francescano, Carmelitano, Domenicano, Certosino e Camaldolese.

Che cos’è un’abbazia?

Si tratta di un monastero indipendente dal punto di vista giuridico, guidato da un abate o da un’abbadessa. Può essere indipendente rispetto alla giurisdizione del vescovo locale.

In alcuni casi può anche amministrare un territorio regolato da uno statuto extra diocesano (abbazia nullius).

Come sono nate le abbazie?

È stato con tutta probabilità San Pacomio a creare la prima abbazia, nel 320 d. C. All’epoca era il luogo in cui si riunivano i primi cenobiti, vivendo nel rispetto delle regole codificate dal Santo.

Secondo San Pacomio infatti il modo migliore per seguire l’ideale ascetico cristiano era quello di vivere in comunità piuttosto che come singoli eremiti.

Su modello di questa prima abbazia ne vennero edificate altre che seguivano però altre regole, legate a quella del monachesimo benedettino e a quella di impronta celtico-irlandese introdotta da San Colombano.

Che cosa è un monastero?

Il monastero cristiano è una struttura edificata in cui vive e opera una comunità di monaci o monache.

Ciascun monastero può rappresentare una comunità indipendente oppure può essere parte di una confederazione, che si basa su un unico coordinamento e sul reciproco aiuto.

I monasteri medievali hanno costituito dei veri e propri centri culturali, con gli amanuensi che si dedicavano alla copiatura delle opere antiche.

Come è nato il monastero?

I primi monasteri cristiani in Occidente nascono e si sviluppano dopo il periodo delle persecuzioni. La loro attività è basata sul rispetto delle norme dettate da una Regola.

Tuttavia già dai primi secoli del cristianesimo in Oriente ci sono testimonianze di vita ascetica comune impostata su una sorta di Regola.

I monasteri sono una parte costitutiva anche di altre religioni, come quella buddista.

Come vivono i monaci?

La vita dei monaci è in genere scandita dalla preghiera e dal lavoro, che il più delle volte è di tipo manuale.

Ogni Ordine segue però una sua Regola, che prevede norme di vita specifiche.

Chi sono i principali fondatori del monachesimo in Oriente?

In Oriente la diffusione del monachesimo avviene nei primi secoli del cristianesimo grazie a monaci eremiti e anacoreti che, sull’esempio di Sant’Antonio e di San Paolo di Tebe, scelgono di vivere in solitudine, dedicandosi alla preghiera nel più totale silenzio.

Attraverso la penitenza cercano di raggiungere la santità.

Ci sono anche testimonianze di forma cenobitiche, il cui maggior rappresentante è stato San Basilio di Cesarea. Il suo modello di vita si concretizza nei seguenti principi: comunione dei beni, completa povertà, reciproca assistenza reciproca e preghiera comunitaria.

Cosa prevede la regola benedettina?

Nativo di Norcia, in Umbria, San Benedetto ha fondato un monastero a Montecassino, nel sud del Lazio. Qui ha scritto la Regola che viene poi presa a modello da molti altri monasteri.

In base a questa Regola, a capo del monastero c’è l’abate, che viene eletto dagli stessi monaci e mantiene la sua carica per tutta la vita. Secondo San Benedetto l’abate è “colui che in monastero fa veci di Cristo”.

L’abate dev’essere come un buon padre per i suoi figli (e infatti la parola viene dal greco “abbà”, che significa “padre”), dimostrandosi dolce e severo al tempo stesso.

Fra i suoi compiti più importanti c’è quello di affidare ai monaci incarichi in base alle specifiche capacità.

La Regola benedettina poggia sul principio “Ora et labora” (prega e lavora). Secondo il Santo infatti l’ozio è molto pericoloso e organizza quindi la giornata secondo orari ben precisi.

Alla preghiera sono riservate quattro ore al giorno, alla lettura dalle due alle quattro ore, mentre al lavoro dalle cinque alle otto pre.

Come erano le abbazie cistercensi?

I monaci cistercensi vivevano in clausura e improntavano la loro spiritualità nel rispetto della Regola benedettina: silenzio, disciplina, obbedienza all’abate, orario ripartito fra numerosi uffici in comune, lettura e lavoro manuale.

L’abbazia ospitava anche la comunità dei conversi, che viveva completamente separata dai monaci. Non sapevano leggere e lavoravano nei campi, nelle fucine o presso i mulini.

Di conseguenza la struttura del complesso monastico prevedeva due zone indipendenti e isolate tra loro, edificate con analoghi canoni qualitativi.

La chiesa era orientata a est-ovest, con il presbiterio rivolto ad est.

Il chiostro era edificato a ridosso della chiesa e rappresentava il nucleo lungo cui si ergevano le varie costruzioni:

  • nella sua ala ad est erano ricavati agli alloggi dei monaci: la sala capitolare era a pianterreno mentre il dormitorio si trovava al primo piano.
  • il refettorio e la cucina si trovavano nell’ala opposta alla chiesa
  • nell’ala ovest si trovava un edificio di due piani destinato ai conversi e ai magazzini con accesso indipendente nella parte retrostante alla chiesa.

Lascia un commento