Cosa significa formato Kindle?

Ci siamo. Hai appena deciso di cedere alla comodità e di comprare un lettore e-book per leggere i tuoi libri senza caricarti sulle spalle il peso dell’ingombro cartaceo. Esplorando internet e i social alla ricerca di ulteriori informazioni ti sei imbattuto nelle misteriose parole “libri in formato Kindle” che ti hanno lasciato un po’ di perplessità. Non preoccuparti, risolveremo insieme questo mistero e scopriremo cosa significa formato Kindle.

Che cos’è un Kindle?

Per capire cos’è il formato Kindle, è necessario fare prima un piccolo passo indietro e scoprire da cosa deriva. Il termine nasce dal lettore e-book prodotto da Amazon, chiamato, appunto, Kindle

Quali sono i vantaggi del Kindle?

  • Risparmio: il Kindle permette di leggere libri in formato elettronico, acquistandoli esclusivamente su Amazon, nella sezione Kindle Store, a un prezzo ridotto rispetto alla loro controparte cartacea. In questo modo si permette un netto risparmio sull’acquisto dei libri. La spesa più alta, infatti, è l’acquisto del lettore, che, però, non è proibitiva e viene ripagata in pochissimo tempo.
  • Piccolo dispositivo, tantissimi libri: con il Kindle si ha la possibilità di portare con sé una libreria personale potenzialmente infinita, senza che questa pesi sulle spalle o ingombri le borse. Infatti, il dispositivo pesa al massimo 170 g. 
  • Si può leggere ovunque: i Kindle sono stati studiati apposta per non stancare gli occhi del lettore, tramite la tecnologia e-ink che rende lo schermo visivamente simile a una pagina di carta. Da circa dieci anni, questa tecnologia è stata resa compatibile con una retroilluminazione regolabile, rendendo possibile la lettura anche in situazioni non ottimali, per esempio quando qualcuno nella stanza sta dormendo e non si vuole disturbarlo con una luce accesa.
  • Batteria durevole: pur essendo un dispositivo a batteria, il Kindle è stato progettato per avere una carica duratura. Con un uso intensivo, lo si ricarica una volta al mese.

Quali sono gli svantaggi del Kindle

  • Nessun riferimento sensoriale: molti preferiscono i libri cartacei al Kindle (o agli e-reader in generale) perché “con il Kindle non si sente il profumo della carta”. Sembra una frase per persone nostalgiche o non avvezze alla tecnologia, ma in realtà molti tendono a dimenticare più facilmente un libro se lo leggono in formato elettronico, mentre lo memorizzano meglio nel suo formato cartaceo. Ciò avviene perché il peso, la grana della carta e la copertina aiutano a dare maggiori riferimenti su ciò che si sta leggendo, rispetto ai dispositivi elettronici.
  • Maggiore rischio di acquisti errati: sono molti gli autori che pubblicano i loro libri direttamente tramite Amazon. Questo avviene a causa della crisi nel settore editoriale e l’autopubblicazione può rappresentare un efficace abbattimento dei costi. C’è uno svantaggio non da poco per i lettori, in tutto questo: il rischio di comprare testi di bassa qualità è più alto rispetto all’acquisto di libri cartacei. Fortunatamente, si può ovviare a questo problema grazie alle recensioni su Amazon.
  • Rischio di guasti: essendo il Kindle un supporto tecnologico, può succedere che sia difettoso, si rompa o perda i dati in esso contenuti. Le statistiche, però, dimostrano che questi guasti sono piuttosto rari.

Da cosa deriva il nome Kindle?

Il termine kindle significa “accendere un fuoco” e può essere un richiamo sia all’amore per la lettura, che accende l’interesse proprio come un fuoco, sia al fatto che, come tutti i dispositivi elettronici, il Kindle si accende tramite un pulsante.

Qual è il formato Kindle?

Il formato Kindle è un formato dedicato appositamente ai lettori Kindle. Visualizzandolo in una cartella del computer con la sua estensione, è possibile vedere che la sua dicitura si può intitolare nei seguenti modi: 

  • AZW3 (esempio: “I Promessi Sposi.AZW3)
  • AZW (esempio: “Dracula.AZW”)

Queste estensioni sono proprietà di Amazon, per cui nessun altro lettore può leggerli al di fuori del Kindle, a meno che non sia fornito dell’App apposita, che porta lo stesso nome. Questo significa che, scaricando l’App da Apple Store o da Google Play, è possibile leggere i libri in formato Kindle anche su smartphone e su tablet.

Qual è la differenza tra e-book e Kindle?

Il termine e-book ha ormai un doppio significato:

  1. Lettore e-book: in questo caso, e-book è usato impropriamente come abbreviazione, per indicare il lettore del libro digitale. Il termine più corretto sarebbe e-reader.
  2. Libro digitale: questo è il reale significato del termine, che sta per electronic book.

Di conseguenza, esistono più risposte a questa domanda, anche se sono molto simili.

  • Differenza tra e-reader e Kindle: non c’è una differenza, perché il Kindle è una marca di e-reader. Un’altra marca famosa è la Kobo, ma ce ne sono diverse altre.
  • Differenza tra e-book e Kindle: la differenza sta proprio nei soggetti di cui si parla, visto che il Kindle è un dispositivo elettronico e l’e-book è il libro leggibile negli e-reader predisposti.

Quali formati e-book esistono?

Esistono moltissimi formati e-book da poter leggere sugli e-reader. Questi sono i più diffusi:

  • Formato Kindle, o AZW3
  • Formato PDF
  • Formato epub
  • Formato MOBI
  • Formato IBA

Quali formati legge il Kindle?

Il Kindle legge quasi tutti i formati, tranne l’IBA, che è appannaggio della Apple.

Tuttavia, il modo migliore per godersi un e-book su Amazon Kindle è di leggerlo nei formati a lui dedicati:

  • AZW
  • AZW3, versione aggiornata del formato AZW
  • MOBI, file che non viene più commercializzato da Amazon, ma che è ancora possibile utilizzare.

Gli altri formati potrebbero presentare delle difficoltà di lettura, come, ad esempio, errori di impaginazione o rallentamenti del dispositivo.


Fonti:

Lascia un commento