Come marinare il cinghiale congelato?

Gustosi e saporiti, i piatti a base di carne di cinghiale sono generalmente molto apprezzati dagli amanti della selvaggina, in quanto uniscono il sapore della carne suina al sapore tipico della cacciagione.

Il cinghiale, infatti, non è altro che l’antenato selvatico del maiale, diffuso in tutta l’area del Mediterraneo, e la sua carne racchiude un sapore molto gustoso e particolare.

Ricca di proteine e povera di grassi, la carne di cinghiale è perfetta come piatto autunnale e invernale, accompagnata dalla classica polenta, ma è anche molto adatta alla preparazione di sughi e ragù, spezzatini, brasati, oppure cotta al forno, o ancora arrostita o allo spiedo.

La carne di cinghiale si trova facilmente anche nel reparto surgelati dei grandi supermercati, ma avendo un sapore particolarmente selvatico, necessita sempre, prima di essere consumata, di essere marinata

Vuoi scoprire come marinare il cinghiale congelato? Allora non ti resta che leggere il nostro articolo!

Domande frequenti

In cosa consiste la marinatura della carne?

La marinatura della carne consiste nell’immersione di fette sottili della carne cruda in un liquido acido, come aceto e succo di limone, per un tempo variabile.

Spesso a questo liquido si aggiungono olio e aromi. 

In questo modo la carne si ammorbidisce e viene resa più digeribile.

Per quanto tempo deve marinare la carne?

Il tempo di marinatura della carne in genere dipende sia dal tipo di carne che dal taglio. Di solito, maggiore è la pezzatura della carne, più lungo è il tempo necessario a farla insaporire.

Quali sono i tagli di carne di cinghiale più utilizzati?

I tagli della carne di cinghiale più utilizzati sono gli stessi della carne di maiale

Anzitutto i tagli della coscia, poi collo, costolette, spalla e cosciotto, ma anche le frattaglie, il fegato, il cuore, e il rognone vengono utilizzati in cucina per molte ricette.

Come si conserva la carne di cinghiale?

La carne di cinghiale deve essere sottoposta al processo di frollatura prima di essere consumata, operazione che può essere fatta anche sgocciolando la carne dal sangue e in seguito congelandola.

Se non hai a tua disposizione un abbattitore di temperatura come quello dei grandi ristoranti, può bastare il congelatore

Prima di essere congelata la carne del cinghiale deve perdere il suo calore corporeo e deve essere sgocciolata dal sangue

Come si scongela la carne di cinghiale?

Per scongelare la carne di cinghiale la si può mettere in un sacchetto per alimenti. Dopodiché si fa uscire più aria possibile dal sacchetto, e lo si immerge in un contenitore pieno di acqua fredda. 

L’acqua andrà sostituita ogni mezz’ora, e il sacchetto contenente la carne di cinghiale congelata dovrà restare immerso nell’acqua sino a quando la carne non sia completamente scongelata.

Perché occorre marinare la carne di cinghiale?

La carne di cinghiale ha un sapore molto selvatico, quindi l’operazione di marinatura, che precede la cottura e il consumo, serve proprio per far perdere alla carne quel suo gusto tipico, eccessivamente selvatico, che può non essere gradito a tutti.

Come marinare la carne di cinghiale?

Questa carne gustosa, ma dal forte sapore selvatico, necessita di marinatura, che però varia in base all’età dell’animale. Ad esempio:

  • il cinghiale giovane, di età tra i 3 e i 6 mesi di vita, la cui carne è ancora tenera e di gusto delicato, non ha bisogno di essere marinato 
  • il cinghiale di 6 – 12 mesi ha bisogno di una leggera marinatura fredda
  • il cinghiale tra 1 e 2 anni di età e dal pelo scuro, ha una carne dal sapore marcato; perciò, serve una marinatura fredda 
  • il cinghiale adulto, fino a 5-6 anni di vita, ha una carne più dura ma anche molto saporita, per cui è preferibile una marinatura cotta

La marinatura consiste nel lasciare la carne in infusione in frigorifero dentro una ciotola, con verdure come cipolla, carota, sedano, tagliate grossolanamente, oltre al limone e a uno spicchio d’aglio, e a spezie a scelta, come chiodi di garofano, alloro, bacche di ginepro, stecca di cannella e pepe.

Nella ciotola preferibilmente di vetro, dopo aver messo la carne di cinghiale con gli aromi, le verdure e le spezie, si aggiunge il vino in quantità tale da ricoprire completamente la carne

Il tutto va lasciato a bagno per almeno 12 ore, senza però superare le 16 ore di marinatura.

Un altro sistema per mettere a macerare il cinghiale prevede che la carne venga tagliata a cubetti e posta in un recipiente di vetro.

Si dovrà poi versare un bicchiere di aceto ogni chilo di carne, aggiungendo erbe come il timo fresco e il rosmarino, oltre a un pizzico di pepe e a un cucchiaino di zucchero

Il contenitore va chiuso e conservato in frigorifero per almeno 12 ore.

Come togliere il sapore di selvatico dalla carne di cinghiale?

La carne di cinghiale ha un sapore selvatico che talvolta può non piacere; quindi, per stemperare un po’ questo particolare si può fare una marinatura della carne, usando sia il latte che il vino.

La differenza è che il latte ammorbidisce la carne e la rende più tenera, oltre a darle un gusto più leggero e delicato. 

Il riposo della carne di cinghiale nel vino per almeno 12 ore si rende necessario per attenuarne il gusto molto forte, ma se nonostante questo il sapore dovesse risultare ancora troppo accentuato, allora si può ricorrere all’aceto, seguito da un risciacquo sotto acqua corrente subito dopo.

Come si cuoce la carne di cinghiale?

La carne di cinghiale è molto amata per il suo sapore gustoso e viene usata per la preparazione di molti piatti, specie autunnali e invernali

Perfetto con la polenta, il cinghiale permette di preparare ottimi sughi e ragù con cui condire la pasta casalinga, ad esempio le tagliatelle o le pappardelle, tipiche della Toscana e dell’Italia centrale.

Ottimo lo spezzatino di carne di cinghiale, per il quale si utilizza la parte morbida e polposa del cosciotto, che va prima soffritta con gli odori, e poi lasciata cuocere a lungo col pomodoro.

Un piatto tipico è anche quello del cinghiale in umido, dove la carne viene tagliata a dadi e rosolata in olio caldo con uno spicchio d’aglio, e in seguito viene lasciata cuocere assieme al pomodoro e alle spezie. 

La cottura della carne di cinghiale ha tempi un po’ lunghi, ma il risultato ripaga del tempo e degli sforzi, in quanto si tratta di una carne veramente versatile e saporita.

In rete è possibile trovare una varietà infinita di primi e secondi piatti tipici regionali, a base di carne di cinghiale.

Dal cinghiale si ricavano anche ottimi salumi e affettati.

Se vuoi consultare qualche ricetta tipica, guarda qui: https://www.tuttomaremma.com/gastronomiacarne.htm

Come marinare la carne prima della griglia?

Chiunque ama la carne, non può non apprezzare la cottura alla griglia! 

Questo metodo di cottura, anche se non dovrebbe essere troppo frequente per ragioni di salute, è sicuramente uno dei più apprezzati, perché richiama alla mente la convivialità e l’allegria delle grigliate estive tra amici.

Per ottenere una grigliata di sicuro successo, è necessario, qualche ora prima di cuocere la carne, sottoporla a un processo di marinatura.

Marinare la carne prima di cuocerla alla griglia la rende sicuramente più saporita e gustosa, oltre che più tenera.

Per preparare una buona marinatura, da utilizzare sia prima che durante la cottura della carne, è sufficiente che mescoli insieme un buon olio extravergine di oliva, del limone, dell’aglio tritato ed erbe aromatiche a piacere, come il rosmarino e la salvia

Questa marinatura potrai spennellarla direttamente sulla carne anche mentre cuoce sulla griglia.

E se ami il sapore piccante ti consigliamo di aggiungere anche il peperoncino o il tabasco, per un sapore ancora più deciso.

Come marinare la carne di manzo?

Se vuoi marinare la tua bistecca di manzo prima di cuocerla sulla griglia o in una comune padella, puoi usare i seguenti ingredienti:

  • 100 ml di olio extravergine di oliva
  • 50 ml di vino rosso
  • due spicchi d’aglio
  • rosmarino, timo, salvia, prezzemolo e pepe nero, in quantità a piacere. 

Immergi la carne in questo preparato e lascia riposare in frigorifero per circa 2 ore, per ottenere una carne di manzo tenera e gustosa.

Come marinare la carne di maiale per il barbecue?

Per cuocere la carne di maiale alla brace la carne deve avere uno spessore di circa due centimetri.

Qualche ora prima di iniziare la cottura della carne di maiale alla griglia, puoi metterla a marinare in una ciotola.

Per la marinatura puoi usare questi ingredienti:

  • vino bianco secco
  • uno spicchio d’aglio tagliato a fette
  • rosmarino
  • pepe nero fresco macinato al momento
  • poco olio extravergine di oliva

Come scongelare un pollo intero nel forno a microonde?

Per scongelare un pollo intero adoperando il forno a microonde puoi sistemare direttamente la carne congelata in un recipiente adatto al microonde, poi impostare la funzione scongelamento.

Ti consigliamo di impostare lo scongelamento a intervalli regolari, tipo ogni due o tre minuti, in modo da controllare sempre il processo di scongelamento della carne.

In tal modo potrai verificare che il pollo riesca a scongelarsi senza però cuocere.

Come si scongelano i cibi congelati?

Il sistema migliore per scongelare un alimento è quello di trasferirlo dal freezer direttamente in frigorifero

Anche se è il modo più lento, è quello più sicuro, in quanto la temperatura del frigorifero, più alta rispetto al congelatore, permette uno scongelamento dei cibi in modo naturale e graduale.

Quanto tempo ci mette la carne a scongelare?

Il tempo di scongelamento della carne dipende da fattori quali il taglio, lo spessore e la grandezza, oltre che naturalmente dalla temperatura.

Per scongelare la carne in maniera ottimale è sufficiente lasciare che questo processo avvenga lentamente. a temperatura ambiente.

Solitamente serve almeno una mezza giornata.

Lascia un commento