Come concludere un testo argomentativo?

Che si tratti di esami di Maturità o di esami di Terza Media, il testo argomentativo rappresenta senza ombra di dubbio la richiesta più frequente alla prima prova, quella di italiano.

 Dopo aver svolto correttamente il compito e aver espresso il tuo punto di vista, dovrai scrivere le tue conclusioni. Quest’ultimo passaggio non è semplice, infatti una delle domande più frequenti tra gli studenti è: come concludere un testo argomentativo?

Che cos’è un testo argomentativo

Il testo argomentativo è un tipo di compito scritto attraverso cui puoi esprimere il tuo punto di vista su un argomento specifico. Per avvalorare la tua idea e portare quindi avanti la tua tesi, devi illustrare le tue argomentazioni basandoti su fatti e dati reali. 

Affinché il tuo tema sia credibile, devi anche contestare l’antitesi attraverso dimostrazioni concrete ed esempi logici. La cosa migliore da fare è seguire sempre la scaletta del testo argomentativo, così da non sbagliare.

Scaletta testo argomentativo

Per scrivere un testo argomentativo è necessario seguire uno schema preciso affinché esso rientri in determinati parametri, ovvero la cosiddetta scaletta. Seguirla ti aiuterà anche a svolgere il compito molto più facilmente. Ecco di seguito i vari passaggi necessari per scrivere un tema argomentativo:

  1. Introduzione: per rendere il tuo testo credibile, dovrai prima di tutto contestualizzarlo attraverso un’introduzione generica che accompagni il lettore piano piano nella lettura e lo aiuti a inquadrare l’argomento
  2. Tesi: questa è la parte più corposa del testo e serve per esporre la tua idea. Fallo in modo chiaro e lineare, così da renderla valida anche agli occhi di chi legge. Non avere paura di dilungarti, perché la tesi è la parte più importante del tuo lavoro
  3. Antitesi: esponi anche le teorie contrarie alla tua, così da anticipare i dubbi dell’interlocutore immaginario 
  4. Confutazione: questo passaggio avviene di pari passo a quello della presentazione dell’antitesi. Per ogni pensiero contrario alla tua tesi, infatti, esponi anche l’idea che lo confuta così da spiegare bene perché la tua tesi è esatta
  5. Conclusione finale: potrebbe risultare come la parte più ostica del testo, ma non devi temerla. Si tratta semplicemente di riordinare le idee iniziali ed esporle a favore della tesi

Testo argomentativo, esempio

Ecco di seguito un esempio di testo argomentativo, punto per punto. Il tema scelto per esplicare i passaggi è quello del riciclo e, di conseguenza, dell’importanza che esso svolge per la salvaguardia dell’ecologia e del pianeta.

Testo argomentativo sul riciclo

  • Introduzione: Inizialmente scrivi qualche riga per avviare l’argomento. Inizia spiegando la situazione attuale del nostro pianeta e introduci l’argomento sulla necessità del riciclo per la salvaguardia ambientale
  • Tesi: presenta gli argomenti a favore della tua tesi, dimostra con dati chiari l’impatto della spazzatura sull’ambiente e i risultati ottenuti invece negli ultimi anni proprio grazie al riciclo degli stessi
  • Antitesi: parla senza temere dei lati negativi del riciclo e dei fallimenti in alcune aree urbane
  • Confutazione: spiega i motivi per cui, secondo te, in realtà i fallimenti siano dovuti all’errore umano e come si potrebbe aggirare il problema
  • Conclusione: concludi riordinando le tue idee ed esponendole in modo tale da convincere il lettore che il riciclo è la scelta più giusta

Come concludere un testo argomentativo

Abbiamo visto fino a qua l’importanza di eseguire il testo argomentativo secondo uno schema chiaro e semplificato, così da esporre la propria tesi senza indugio.

Tuttavia, è necessario dedicare la giusta attenzione alla conclusione del tema, in quanto si tratta proprio della parte volta a convincere gli altri dell’esattezza delle nostre idee. 

Come concludere, quindi, un testo argomentativo al meglio? Ti consiglio di riprendere gli argomenti toccati nella parte dedicata alla tesi e di riassumerli brevemente affinché il lettore possa ricordarsene. 

Inoltre, ti suggerisco di ribadire la veridicità delle informazioni e dei numeri da te citati e di chiudere con una frase toccante o profonda che faccia riflettere e stupisca chi legge.


Domande frequenti

Che persona usare nel testo argomentativo?

Nonostante nel testo argomentativo si esprimano le proprie idee, è sempre meglio evitare di utilizzare la prima persona singolare (e di dire quindi esplicitamente “io”), perché si tratta di un saggio. 

È meglio essere formali e utilizzare un tono colloquiale, ma non amichevole, così da dare una maggiore idea di competenza al lettore.

Come si fa una conclusione?

La conclusione di un testo è fondamentale per la buona riuscita di esso. Riassumi le idee esposte precedentemente, ribadisci i concetti e ricorda i dati utilizzati a favore della tua tesi. Concludi, infine, con una frase ad effetto capace di colpire il lettore.

Come si costruisce un testo argomentativo?

Per costruire un testo argomentativo è necessario seguire uno schema chiaro ed affidarsi alla scaletta. Ricorda sempre di scrivere introduzione, tesi, antitesi, confutazione e conclusione.

Come scrivere conclusione saggio?

Per concludere un saggio devi ribadire ciò che hai scritto precedentemente a favore della tua tesi, non dimenticando di citare fonti e dati, così da chiudere spiegando perché le tue idee sono valide.

Come fare un testo argomentativo con esempio?

Per fare un testo argomentativo devi prima di tutto informarti sugli argomenti da trattare così da farti una tua opinione. Poi devi esporre la tua idea seguendo la scaletta. Ricorda di fornire dati e fonti affidabili.

Come si fa una antitesi?

L’antitesi è quel passaggio del testo argomentativo che serve a mostrare al lettore la tesi opposta alla tua, così da confutarla punto per punto per dimostrare la validità della tua opinione.

Come introdurre la propria tesi nel testo argomentativo?

Per introdurre la propria tesi nel testo argomentativo è necessario prima di tutto contestualizzare e spiegare al lettore di che cosa si sta parlando, così da aiutarlo a seguirne tutti i passaggi.

In che persona si scrive un testo argomentativo?

Il testo argomentativo va scritto in terza persona. Solo gli esperti di un dato argomento possono esprimersi in prima persona senza rischiare di indebolire l’argomentazione.

Quali sono le caratteristiche di un testo argomentativo?

Il tema argomentativo è quel tipo di testo che serve a presentare le proprie idee a favore di una tesi su un argomento di interesse comune. Esso presenta delle caratteristiche specifiche, con una struttura rigida che comprende la presentazione dell’argomento, la tesi a favore delle proprie opinioni, l’antitesi, la confutazione e la conclusione.

Qual è la tesi in un testo argomentativo?

La tesi in un testo argomentativo è la parte centrale e quella più corposa. Serve ad esprimere la propria idea su un dato argomento così da convincere il lettore che si tratti dell’idea giusta.

Che tempo si usa nel testo argomentativo?

Per scrivere un testo argomentativo è sempre meglio essere chiari e utilizzare il presente oppure il passato prossimo.

Cosa scrivere nella conclusione?

Quando si scrive la conclusione bisogna fare colpo sul lettore con frasi ad effetto che riassumano quanto scritto nel resto del testo.

Come si fanno le conclusioni di una tesi compilativa?

Quando si scrive una tesi compilativa è sempre meglio scrivere un breve riepilogo schematico al momento delle conclusioni.

Come introdurre la tesi in un testo argomentativo?

Per introdurre una tesi argomentativa bisogna contestualizzare spiegando bene di che argomento si sta parlando in generale e perché la propria opinione sia funzionale ad esso.

Come è fatto un testo argomentativo?

Il testo argomentativo presenta una struttura schematica da seguire affinché esso possa essere svolto nel migliore dei modi. Essa comprende introduzione, tesi, antitesi, confutazione e conclusione.

Come si scrivono le conclusioni di una ricerca?

Le conclusioni di una ricerca devono essere sintetiche e quanto più schematiche. È bene riportare i dati utilizzati e i risultati emersi durante lo studio e, di conseguenza, l’idea alla quale si è giunti.

Come scrivere una bella conclusione?

Per scrivere una bella conclusione bisogna riportare brevemente gli argomenti trattati nel corpo del testo e chiudere con una frase ad effetto, capace di colpire il lettore e di farlo riflettere su quanto argomentato.

Lascia un commento